Jeans e maglie contraffatti venduti come prodotti di lusso: Finanza denuncia commerciante

Un negozio di Civitella è finito nel mirino della Guardia di Finanza di Ancona che ha portato a termine l'operazione "Spider web": maxi sequestro di capi

Una giovane commerciante denunciata e alcune centinaia di capi d'abbigliamento sequestrati. Così la Guardia di Finanza di Ancona è arrivata fino alla provincia di Arezzo con l'operazione Spider Web, che ha portato alla luce una vera e propria "start up" dedita alla commercializzazione di abiti contraffatti. 

Destinataria della denuncia è la titolare di un negozio di Civitella in Val di China, dove le Fiamme Gialle hanno trovato gli abiti contraffatti provenienti dalla Turchia commercializzati dalla start up.

Così la start up commercializzava in tante città italiane i prodotti contraffatti

La titolare del negozio li aveva ordinati su una piattaforma informatica gestita da una coppia di Osimo. I due, un 44enne e la moglie di un anno più giovane, incensurati, vendevano vestiti e accessori di marca a prezzi concorrenziali. Stando a quanto hanno rilevato gli inquirenti, peròera tutto contraffatto: maglie, jeans e altri indumenti erano stati realizzati con grande precisione, tanto che gli inquirenti si sono avvalsi di periti per verificarne l'autenticità. 

In tutto la Guardia di Finanza ha sequestrato 15mila capi, in 12 regioni, per un valore complessivo di 4 milioni e 500mila euro.

L'aretina avrebbe acquistato tutto sulla piattaforma, pagando con bonifico o ricarica PostePay. I vestiti, stando a quanto sostenuto dalla Guardia di Finanza, avevano un prezzo che andava dai 300 ai 500 euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I capi erano inoltre dotati di codice QR, ovvero “Quick Response”. E’ il codice presente sui prodotti originali che permette, attraverso la scansione con una semplice app, di verificare se quello specifico prodotto è stato fabbricato o meno dall’azienda madre. In questo caso, la scansione del codice rimandava il consumatore non alla vetrina ufficiale dell’azienda produttrice, ma un sito generico di vendite online“

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento