Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Sparatoria in questura: "un minuto di silenzio per Matteo e Pierluigi". L'appello dei sindacati aretini

"Cogliamo l'occasione per ringraziare tutti i cittadini che hanno fatto sentire la loro vicinanza per la tragedia che ci ha colpito dimostrando stima e fiducia nell'operato della Polizia di Stato"

Foto tratta da Trieste Prima

Un minuto di silenzio per ricordare Pierluigi Rotta e Matteo Demenego, gli agenti deceduti nella sparatoria che si è consumata lo scorso 4 ottobre all'interno della questura di Trieste.

Sparatoria in Questura a Trieste, morti due poliziotti: Matteo Demenego e Pierluigi Rotta

A lanciare l'iniziativa è il Siulp aretino che interviene all'indomani della tragedia che ha profondamente scosso una città ed una nazione intera.

"Esprimiamo vicinanza e cordoglio ai familiari di Pierluigi e Matteo - spiegano dalla segreteria provinciale aretina - Le modalità dell'accaduto ci lasciano attoniti e il dolore per la scomparsa dei giovani colleghi ci impone di non polemizzare in questo momento consapevoli del fatto che il sistema sicurezza necessiti di correttivi sulla effettiva certezza della pena. E' prioritario investire risorse per gli arruolamenti e gli equipaggiamenti a tutela sia della categoria che del cittadino. Per questi motivi e per mantenere vivo il ricordo di Matteo e Pierluigi, invitiamo tutti i colleghi della provincia ad osservare un minuto di raccoglimento sui luoghi di lavoro alle 12 di venerdì 11 ottobre. Cogliamo l'occasione per ringraziare tutti i cittadini che hanno fatto sentire la loro vicinanza per la tragedia che ci ha colpito dimostrando stima e fiducia nell'operato della Polizia di Stato. Tutto ciò è motivo di gratificazione e stimolo per impiegare ulteriori energie in modo da offrire un servizio di sicurezza ancor più qualificato in ricordo di Pierluigi e Matteo che hanno perso la vita per la tutela delle istituzioni e della collettività".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sparatoria in questura: "un minuto di silenzio per Matteo e Pierluigi". L'appello dei sindacati aretini

ArezzoNotizie è in caricamento