Spaccio di coca a Saione e Campo di Marte, rocambolesco doppio arresto

Due cittadini tunisini sono stati arrestati dalla Squadra Mobile della Polizia di Arezzo per detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente. I poliziotti erano da giorni sulle tracce di un gruppo di magrebini soliti a frequentare i consueti...

cinofili_campomarte

Due cittadini tunisini sono stati arrestati dalla Squadra Mobile della Polizia di Arezzo per detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente. I poliziotti erano da giorni sulle tracce di un gruppo di magrebini soliti a frequentare i consueti luoghi ove si sviluppano domanda e offerta di stupefacenti.

Nella mattina di martedì, dopo una serie di articolate attività di osservazione e pedinamento nella zona di Saione e Campo di Marte, gli agenti hanno tenuto d'occhio due uomini che si muovevano a piedi tra la zona di Via Vittorio Veneto e Viale Michelangelo.

I poliziotti hanno intercettato i due individui mentre uscivano da uno stabile di via Michelangelo per procedere alla loro identificazione e perquisizione. Uno dei due, accortosi della presenza di appartenenti alle forze dell’ordine, ha finto di accusare un malore e si è gettato a terra, tentando di mascherare il gesto con cui si disfaceva di un guanto al cui interno è stata poi rinvenuta cocaina; l'uomo è stato immediatamente fermato.

I due individui sono stati dentificati per S.W., tunisino di 34 anni, e J.M., tunisino del 1996, entrambi non in regola con le norme sul soggiorno in Italia, conosciuti con diversi alias e con precedenti per spaccio e danneggiamento.

Gli agenti sono riusciti quindi a risalire alla dimora utilizzata dai due costituita da un appartamento sito nell’edificio da cui erano stati notati uscire e occupato dagli stessi in modo abusivo. Lo stato di degrado dell’immobile in questione, ridotto in buona sostanza a una discarica chiusa, impediva addirittura ai poliziotti di effettuare le verifiche e le dovute ispezioni interne tanto da doverlo sottoporre a sequestro e richiedere l’intervento dei competenti organi della Asl.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due stranieri sono stati accompagnati in questura per le formalità procedurali volte al loro arresto per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Tradotti in carcere a disposizione dell’Autorità giudiziaria, compariranno dinanzi alla stessa nei prossimi giorni per la convalida del provvedimento cautelare dell’arresto ed il conseguente giudizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Ciclista va in arresto cardiaco e cade rovinosamente. Rianimato: è grave

  • Coronavirus, sei nuovi casi nell'Aretino. Contagiati 19enni di ritorno da una vacanza all'estero

  • "Mio fratello era buono e solare. Lo porterò con me in un tatuaggio"

  • I 15 borghi fantasma della Toscana che dovreste visitare

  • Codice giallo per pioggia e temporali: l'elenco dei comuni aretini interessati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento