Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Centro Storico / Via Niccolò Aretino

Si scaglia sulla porta di casa e minaccia di morte la ex moglie e figli piccoli: arrestato 38enne

Violento episodio ieri sera in via Niccolò Aretino. Già alcune settimane fa la donna era stata soccorsa da Carabinieri e 118.

Ha tentato di entrare nella casa della ex convivente cercando di sfondare la porta a calci e pugni. Ha urlato minacce di morte nei confronti della donna e dei loro due figli piccoli barricati in una stanza dell'appartamento. Una furia irrefrenabile per bloccare la quale c'è stato bisogno dell'intervento dei carabinieri che ieri sera hanno raggiunto il centro cittadino per andare in soccorso della giovane madre. 

Il violento episodio è avvenuto ieri sera, in centro. La donna, di origini tunisine, ha richiesto l’intervento dei militari della Compagnia Carabinieri di Arezzo poiché l’ex-convivente, un pregiudicato tunisino, ha avuto l'ennesimo comportamento violento. Solo poche settimana fa i militari erano dovuti intervenire già una volta in via Niccolò Aretino per soccorrere la donna, che raccontava di essere stata colpita al volto durante una lite. 

Immediatamente giunti sul posto, i Carabinieri hanno sorpreso l’uomo mentre stava tempestando di colpi la porta e gridando frasi sconnesse e minacciose sia in italiano che in arabo nei confronti dei piccoli e della donna.

I militari lo hanno immediatamente bloccato: gli accertamenti successivi hanno consentito di ricostruire la terribile storia della donna fatta di sopraffazioni, violenze, minacce ed umiliazioni, subite spesso alla presenza dei figli.

"La donna - spiegano i militari - non denunciava per timore che l'ex marito potesse riversare la sua violenza nei confronti dei bambini. L’uomo era arrivato a mortificare la donna di fronte ai figli mostrando l’attuale convivente ed esaltandola rispetto alla madre dei bambini.

Nell’ultimo periodo, inoltre, era diventato ancor più pericoloso. Aveva minacciato l’ex convivente e i figli di morte; l’aveva picchiata, tanto che lei era stata soccorsa da personale del Pronto Soccorso dell’Ospedale San Donato. Stanotte, l’incubo della donna e dei suoi bambi è terminato con l’arresto del tunisino per il reato di “atti persecutori”" 

Il sostituto Procuratore della Repubblica, Andrea Claudiani, informato della vicenda ha disposto che l'uomo, 38enne, fosse ristretto nel carcere di Arezzo in attesa della convalida dell’arresto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si scaglia sulla porta di casa e minaccia di morte la ex moglie e figli piccoli: arrestato 38enne

ArezzoNotizie è in caricamento