Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

La fontana del Nettuno di Perugia smontata e portata ad Arezzo. Dallo scherzo alle proteste

Volantini affissi nella zona del manufatto ne annunciavano entro breve il trasferimento. E' intervenuto anche il Comune di Perugia per smentire

La fontana di Nettuno di Perugia venduta, smontata e portata ad Arezzo. Il quartiere perugino di Borgo Bello si è svegliato nel pieno di un incubo stamattina per via dei manifesti affissi firmati da tal "Fondazione Alfredo Rismini" che annunciavano lo smontaggio e il trasferimento del manufatto, direzione Arezzo. “Si avvisano i gentili cittadini - come riportato da PerugiaToday - che nel giorno sabato 9 ottobre la fontana di Nettuno, sita su viale Indipendenza 10, sarà interessata da opere di cantiere per la rimozione dalla sua attuale posizione. La fontana è stata acquistata dalla Fondazione Alfredo Rismini e verrà pertanto ricollocata nel giardino della sua nuova sede ad Arezzo. Seguirà un intervento di rinnovo per il rifacimento della pavimentazione e degli arredi urbani”.

fontana-4

La Fondazione Alfredo Rismini, secondo quanto riportato nel sito web, “nasce ad Arezzo nel 2021, con l’obiettivo di raccogliere e valorizzare opere d’arte storiche per destinarle alla fruizione di esperti ed appassionati, nella convinzione che l’Arte sia un privilegio e un bene da tutelare. La Fondazione colleziona opere di pittura, scultura, fotografia, design e oggettistica, assicurando lo scenario migliore per fruire della loro bellezza e preziosità, nelle sale e negli spazi aperti della Fondazione”. Per avere ulteriori informazioni bisogna iscriversi al sito, non c’è un indirizzo fisico e non c’è un telefono, fisso o cellulare. C’è, invece, l’indicazione che “la Fondazione Alfredo Rismini aprirà a breve le porte della sua nuova sede ad Arezzo, inaugurando il parco con l’ultima opera acquisita dal Comune di Perugia: la Fontana del Nettuno. A breve su questo sito gli aggiornamenti sul giorno dell’inaugurazione e i dettagli per la partecipazione riservata ai nostri iscritti”.

Ma le proteste, prevedibili, dei residenti si sono subito sgonfiate, perché è intervenuto anche il Comune di Perugia per smentire la cessione. "L’amministrazione - ha scritto il Comune in una nota - smentisce la notizia frutto di uno scherzo di qualche buontempone che si è voluto divertire affiggendo manifesti sulla fontana stessa e nel quartiere del centro storico". Poche righe per ribadire la normalità: i beni pubblici non sono in vendita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La fontana del Nettuno di Perugia smontata e portata ad Arezzo. Dallo scherzo alle proteste

ArezzoNotizie è in caricamento