Sceicco accusa azienda aretina: "Io truffato per 6 milioni di euro"

Nel mirino una maxi commessa: gli apparecchi, secondo l'accusa, sarebbero stati realizzati in alluminio e non in rame, come in realtà previsto. Per questo l'acquirente si è rivolto alla magistratura

Uno sceicco del Qatar contro un imprenditore aretino. La vicenda è stata rievocata in tribunale ad Arezzo, sotto accusa un'azienda aretina per una potenziale maxi truffa nell'ambito di una commessa. E' Teletruria a riportare la vicenda, lo sceicco - vicino alla famiglia reale del Paese - è parte lesa nel processo. Imputato un 58enne, legale rappresentante dell'azienda con base in provincia di Arezzo. L'impresa realizza trasformatori elettrici: 287 pezzi di questo tipo erano stati inviati in Medio Oriente. Tuttavia, una volta installati, ci sarebbe stata un'esplosione che ne avrebbe distrutta una parte. Gli apparecchi, secondo l'accusa, sarebbero stati realizzati in alluminio e non in rame, come in realtà previsto, per questo l'acquirente si è rivolto alla magistratura. La commessa valeva oltre 6 milioni, l'azienda aretina deve rispondere di truffa. Il 21 maggio si terrà la prossima udienza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buoni postali fruttiferi, risparmiatore ottiene 9mila euro in più di interessi. Il caso spiegato dall'avvocato Bufalini

  • Trovato morto sotto la doccia

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Fa il pieno ma non riesce a pagare con la carta. Dice al benzinaio: "Stai sereno", poi scappa

  • Resta chiuso l'America Graffiti. Lavoratori in ansia

  • Da Arezzo al Grande Fratello: Jacopo Poponcini nella casa più spiata d’Italia

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento