Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tragedia di Monterchi, così il fratello della vittima ha salvato la nipote: "Corsa a cercare una scala".

Nell'incendio di questa notte hanno perso la vita due anziani.

"In una notte ho perso tutto: ho perso un fratello, una cognata e forse anche la casa" sono le parole strazianti del fratello di Giuseppe Baldi, l'84enne che è morto questa notte nell'incendio della propria abitazione. Parole che racchiudono tutta la tragedia che si è consumata a Padonchia, la tranquilla frazione di campagna alle porte di Monterchi dove nottetempo le fiamme divampate in un seminterrato sono state fatali per Baldi e per la moglie Gina. E solo la prontezza del fratello di Baldi, Celestino, anche lui anziano, ha scongiurato che il bilancio delle vittime potesse aggraversi ancora. L'uomo infatti, svegliato dalle urla della nipote e di sua madre che avevano trovato rifugio nel terrazzo, è riuscito a mantenere il sangue freddo e a soccorrerle. Ha cercato la scala più lunga che aveva, quella che arrivava fino al primo piano dell'abitazione e ha permesso che si salvassero. Così come si è fortunatamente salvato il figlio delle vittime. 

Quando sono arrivati i vigili del fuoco, le tre persone erano già fuori dall'abitazione. Ma vani sono stati i soccorsi che tutti hanno tentato di porgere ai due anziani. 

"Le fiamme - ricorda il fratello - erano alte fino al primo piano. Io ho fatto tutto il possibile. E' una grande tragedia".

Impossibile raggiungere i due anziani sia dall'interno sia dall'esterno della casa: lo hanno confermato i vigili del fuoco intervenuti dal Comando di Arezzo, da Sansepolcro e da Città di Castello che hanno spento le fiamme e svolto i sopralluoghi necessari per verficare l'agibilità delle abitazioni. Fortunatamente il casolare, suddiviso in appartamenti, pare non abbia subito danni strutturali. 

L'incendio è divampato alle 4,40 circa nel seminterrato dellìappartamento dei due coniugi. I vigili del fuoco e i Carabinieri stanno indagando sulle cause. Le fiamme avrebbero avuto origine da una stufa. C'era anche un camino in quella stanza, ma era spento. Sembra chiaro che Baldi sia sceso da letto e uscito di camera per raggiungere il locale: forse voleva ravvivare il fuoco con legna fresca o forse aveva capito che qualcosa non andava e voleva sincerarsi di cosa stava accadendo. Cagionevole di salute, con alcune difficoltà di movimento, l'84enne è stato sopreso dalle fiamme e non è riuscito a scappare. La moglie Gina, 80enne, era in camera, nel suo letto. 

"Probabilmente - ha detto il funzionario dei vigili del fuoco Covani, sul posto insieme al caposquadra Claudio Ercolani - è stata raggiunta dal fumo mentre dormiva. E' morta di asfissia. Perché negli incendi le fiamme uccidono di rado, il vero killer resta il fumo". 

Anche le due donne scappate in terrazza, madre e figlia, hanno respirato le esalazioni dell'incendio: per questo sono state trasferite in codice giallo all'ospedale di Sansepolcro per accertamenti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Tragedia di Monterchi, così il fratello della vittima ha salvato la nipote: "Corsa a cercare una scala".

ArezzoNotizie è in caricamento