Schiaffi, botte e insulti dentro alla casa di cura: operatori sanitari sotto accusa. Le immagini shock

Schiaffi, insulti, percosse ed umiliazioni inferte gratuitamente ad anziani allettati e impossibilitati a difendersi. La casa di riposo degli orrori finita nel mirino degli inquirenti è quella di Castel San Niccolò. Una struttura apparentemente...

casa-cura-maltrattamenti

Schiaffi, insulti, percosse ed umiliazioni inferte gratuitamente ad anziani allettati e impossibilitati a difendersi.

La casa di riposo degli orrori finita nel mirino degli inquirenti è quella di Castel San Niccolò. Una struttura apparentemente come tante altre ma dove al suo interno però, ogni giorno, si sono consumati atti persecutori e violenze di ogni genere.

Alle prime luci dell’alba di questa mattina i carabinieri della compagnia di Bibbiena hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura interdittiva del divieto dell’esercizio della professione sanitaria, emessa dal gip del tribunale di Arezzo, nei confronti di 6 dipendenti della casa di riposo.

Le accuse contro di loro sono gravissime: percosse, umiliazioni, ingiurie e minacce inferte ad anziani non più autosufficienti.

Il tutto è stato avvalorato dalle sconvolgenti immagini video immortalate dalle telecamere nascoste installate a sua volta proprio dai militari casentinesi.

L'operazione, coordinata dalla Procura di Arezzo, ha visto indagate sei donne e un uomo tutti italiani, età tra i 60 e i 40 anni.

Secondo quanto reso noto dai carabinieri, "le indagini hanno consentito di scoprire le violenze che avvenivano all'interno della struttura: schiaffi, insulti e maltrattamenti di ogni genere. Indispensabile è stato l'apporto investigativo fornito dalle telecamere installate all'interno della casa di cura, attraverso le quali hanno registrato giorno e notte la crudeltà mostrata dagli operatori nei confronti dei ricoverati".

Ignari di tutto i parenti delle vittime.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento