Violenta rissa nel parcheggio della discoteca, sei giovani denunciati: uno arrestato

Il parapiglia si sarebbe scatenato per futili motivi: coinvolti ragazzi tra i 20 e i 30 anni. Intervento dei carabinieri a Castiglion Fibocchi: un giovane in manette per resistenza a pubblico ufficiale

Foto d'archivio

Pugni e calci dopo una serata in discoteca. Si è conclusa con una rissa e con l'intervento dei carabinieri la nottata di sei giovani di età compresa tra i 20 e i 30 anni. Uno di loro è stato arrestato e gli altri denunciati. 

Il violento episodio è avvenuto a Castiglion Fibocchi, nel parcheggio di un locale frequentatissimo dai giovani aretini. I militari della Stazione di Castiglion Fibocchi insieme ai colleghi di pattuglia della sezione Radiomobile dei Carabinieri di Arezzo, durante un servizio di controllo del territorio e su richiesta al 112 sono intervenuti e hanno denunciato a piede libero i ragazzi "per aver partecipato ad una rissa ed all’arresto di uno di loro, perché durante il controllo ha opposto resistenza agli operanti".

Le pattuglie, alle ore 3 circa, sono accorse sul posto per sedare una violenta lite. A innescare il parapiglia pare siano stati dei futili motivi. I giovani alla chiusura di un locale erano rimasti all’interno del parcheggio: due di loro, stando alla ricostruzione dei carabinieri, mostravano sintomi di ebbrezza alcolica ed erano particolarmente agitati. Forse un loro comportamento avventato ha portato alla reazione degli altri ragazzi coinvolti. Svolti i primi accertamenti e ricostruita la dinamica degli eventi, sono stati identificati e denunciati per il reato di rissa tutti e sei i ragazzi, di cui quattro italiani, un cittadino albanese ed uno marocchino.

Sul posto sono accorsi anche i sanitari del 118: solo un giovane ha avuto bisogno del loro intervento per una ferita ad un labbro (probabilmente causata da un pugno).

"Dopo aver calmato gli animi, durante le procedure di identificazione il ragazzo marocchino, pregiudicato, in forte stato di agitazione ha opposto resistenza ai Carabinieri, strattonandoli più volte nel tentativo di eludere i controlli, per cui lo stesso è stato immediatamente bloccato, calmato e a quel punto arrestato per resistenza a pubblico ufficiale", spiegano i militari dell'Arma in una nota.

Tutti i ragazzi fermati sono stati quindi denunciati per il reato di rissa, mentre l’arrestato, su disposizione dell’autorità giudiziaria, verrà sottoposto a giudizio direttissimo nella giornata di domani e attenderà le decisioni del giudice agli arresti domiciliari.

"L’intervento immediato dei carabinieri ha impedito più gravi conseguenze all’incolumità fisica delle persone coinvolte".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Covid e Natale: attesa per il nuovo Dpcm. Cenoni, aperture e spostamenti al vaglio del governo

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento