Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sicurezza, rinnovo del contratto e assunzioni per rafforzare la sanità. Gli infermieri: "Non ci dimenticate"

Questa mattina al presidio per il pubblico impiego dedicato ai sanitari impegnati nella lotta al Covid ha preso parola anche una coordinatrice infermieristica

 

Rappresentanti sindacali della Funzione Pubblica della Cgil e della Cisl questa mattina hanno allestito un presidio di fronte all'ingresso dell'ospedale San Donato. Con loro, per qualche minuto, alcuni infermieri impegnati sul fronte della cura dei malati di Covid.

La sicurezza, il rinnovo del contratto, le assunzioni, il rafforzamento generale del sistema sanitario. Queste alcune delle principali richieste portate avanti oggi, nella giornata di mobilitazione dedicata al pubblico impiego organizzata da Fp Cgil, Cisl Fp, Uil FPL e Uilpa.

A parlare ai microfoni ci sono Gian Maria Acciai e Maurizio Milanesi, rispettivamente segretario generale della Fp Cgil e della Cisl Funzione Pubblica. Il racconto diretto delle giornate di lavoro è poi arrivato da Patrizia Russo, la coordinatrice infermiristica che ha spiegato quanto impegno sia in campo da parte di chi svolge questa professione in questo periodo, di quanti straordinari siano nmecessari per coprire i turni di lavoro, della dedizione di questi professionisti della sanità che chiedono di non essere dimenticati, di non essere chiamati eroi adesso per poi non riconoscere loro un trattamento adeguato, a partire dal rinnovo del contratto collettivo.

“In questa fase di mobilitazione del lavoro pubblico per innovazione, contratti e assunzioni, le lavoratrici e i lavoratori pubblici danno il massimo sostegno e priorità a tutto il personale sanitario” si legge  nel volantino della manifestazione. 

Tra le richieste ci sono quella di assicurare dispositivi di protezione individuale, tamponi e sorveglianza sanitaria; stabilizzare i precari per garantire più occupazione anche in deroga alle norme esistenti; valorizzare le professioni, anche attraverso il rinnovo dei contratti. 

Gli organizzatori si dichiarano infine “contro chi nega l’esistenza del virus, dell’emergenza epidemiologica e del rischio che stanno correndo medici, infermieri e tutto il personale sanitario”. Tutto si svolgerà nel rispetto delle normative anti-covid.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento