rotate-mobile
Lunedì, 30 Gennaio 2023
Cronaca Monte San Savino / Località Alberoro

Rimandati i funerali di Caterina: richiesta l'autopsia. Quattro indagati per omicidio colposo

Il pm Marco Dioni, titolare dell'inchiesta apertasi in seguito alla tragica nascita di Caterina Succi, ha richiesto l'esecuzione dell'esame autoptico. L'incarico sarà affidato ad inizio settimana

I funerali annunciati per la giornata di domani, 3 dicembre, sono rimandati a data da destinarsi. Molto dipenderà dai tempi necessari alla procura per affidare l’incarico di esecuzione dell’autopsia che, ai fini dell’inchiesta, è un esame indispensabile. Alberoro e Arezzo dovranno attendere per dire addio alla piccola Caterina Succi, la figlia di Cristina Rosi e Gabriele Succi, morta il 1° dicembre all’ospedale Meyer di Firenze. Secondo quanto disposto dal pm Marco Dioni, l’incarico verrà dato tra lunedì e martedì all’equipe di medicina legale dell’università di Siena. Solo dopo che sulla salma della piccola saranno stati effettuati gli accertamenti potrà essere nuovamente affidata alla famiglia per disporne i funerali.

L’arresto cardiaco e il parto in emergenza

Quella di Cristina e della figlioletta Caterina è una storia iniziata nel più terribile dei modi. Era il 20 luglio 2020 quando la donna, alla 30esima settimana di gravidanza, è stata colpita da un arresto cardiaco in seguito al quale le è stato praticato il cesareo. Dopo questo episodio le due avevano riportato gravissimi danni fisici e neurologici tanto che, subito dopo la nascita della piccola, hanno vissuto per due anni l’una lontano dall’altra sottoponendosi a importanti trattamenti salvavita. Soltanto lo scorso luglio, con il rientro a casa di Cristina, madre e figlia si sono toccate per la prima volta.

L’inchiesta e le ipotesi di reato

Sebbene la parte legata alle necessità mediche abbia sempre ricoperto un ruolo primario in tutta la storia di Cristina e Caterina, esiste anche una realtà cristallizzata nelle carte in possesso della procura della Repubblica che, subito dopo il tragico episodio, ha aperto un'inchiesta. A coordinare le indagini come detto è il pm Marco Dioni. Quattro le persone indagate tra cui tre medici di Careggi, ospedale presso il quale Cristina si era sottoposta a un consulto ginecologico e cardiaco. Secondo l'ipotesi della procura sarebbe stato sottovalutato il rischio legato a un grave problema cardiaco di cui soffriva la donna. L'inchiesta dovrà stabilire se ci siano responsabilità. Il reato contestato passa da lesioni gravissime a omicidio colposo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimandati i funerali di Caterina: richiesta l'autopsia. Quattro indagati per omicidio colposo

ArezzoNotizie è in caricamento