rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Cronaca

Parte da un ristoratore aretino la battaglia contro il colosso TheFork

La app di Tripadvisor consente di prenotare un ristorante approfittando di sconti fino al 50%. Antonino Leo, ristoratore di Badia Agnano e referente Tni Italia spiega: "Mina il principio di concorrenza leale, faremo ricorso all'Antitrust"

Ha una testa aretina il movimento che sta pensando a un ricorso all'Antitrust contro il colosso TheFork, app di Tripadvisor che consente di prenotare un ristorante approfittando di sconti fino al 50%. "La strategia di marketing va a minare il principio di concorrenza leale tra ristoratori", sostiene Tutela Nazionale Imprese (Tni) Italia, sindacato del settore ricettivo e della ristorazione. Referente dell'associazione è Antonino Leo, ristoratore di Badia Agnano. E' originario della Puglia, ma in Toscana vive da oltre 20 anni.

Il caso TheFork

Sulla questione TheFork dice: “Riceviamo tantissime proteste dai ristoratori, obbligati a fare sconti per essere visibili su TheFork. Riteniamo che ciò vada a minare il principio di concorrenza leale tra i ristoratori e possa costituire motivo di esposto all'autorità garante, oltre che rappresentare una corsa al ribasso che va a scapito della qualità. Molti ristoranti  sono usciti dalla piattaforma, anche perché di frequente i clienti che prenotano tramite TheFork, potendo fissare il tavolo in più locali contemporaneamente, non si presentano, a totale totale danno del ristoratore a cui viene a mancare l’incasso”, prosegue Leo.

Il ricorso all'Antitrust

E così sta maturando l'idea di un ricorso all'Antitrust contro TheFork. Sul caso stanno lavorando gli avvocati di Tni Italia, che, su sollecitazione del ristoratore milanese Marco Chiumenti, ha lanciato a livello nazionale un sondaggio. “Raccontaci la tua esperienza ed esprimi la tua opinione su TheFork”, è l'invito di Tni Italia ai ristoratori che utilizzano la piattaforma.  Il sindacato ha già fatto due scioperi contro le multinazionali del settore food, una battaglia che però non si è esaurita. “TheFork, controllata da Tripadvisor, è una multinazionale che non ha sede legale in Italia e che perciò non ha la stessa imposizione fiscale delle pmi italiane, tra cui – sottolinea ancora Leo - gli stessi ristoranti che sono in sofferenza ancora di più oggi, con i rincari energetici e i rialzi delle materie prime. Per questo – conclude – stiamo valutando, con la collaborazione degli stessi colleghi e insieme ai legali, un ricorso all'autorità garante della concorrenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parte da un ristoratore aretino la battaglia contro il colosso TheFork

ArezzoNotizie è in caricamento