Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Rapinatori fanno irruzione in casa di Francesco Macrì: messi in fuga dalla collaboratrice

Hanno prima sfondato il cancello d'ingresso scagliandoglisi contro a tutta velocità con un'auto. Poi, pare con una pistola alla mano, hanno tentato di intrufolarsi nell'abitazione. A dissuadere alcuni malviventi che avevano preso di mira la casa...

macri-francesco2

Hanno prima sfondato il cancello d'ingresso scagliandoglisi contro a tutta velocità con un'auto. Poi, pare con una pistola alla mano, hanno tentato di intrufolarsi nell'abitazione. A dissuadere alcuni malviventi che avevano preso di mira la casa di Francesco Marcì, consigliere comunale esponente di Fdi, sono state le urla di una donna, una collaboratrice domestica che al momento si trovava sola nell'abitazione.

La tentata rapina è avvenuta questo pomeriggio, alle 16,50 circa, nella villa tra Monte San Savino e Montagnano. "In casa era presente solo la signora che ci aiuta - racconta ancora provato dalla drammatica esperienza Macrì - le nostre auto non c'erano e probabilmente hanno pensato che in casa non ci fosse nessuno".

A bordo di un'auto scura - un'Audi scura rubata - i malviventi si sono lanciati sul cancello, fino a buttarlo giù. Poi, in due, hanno percorso il vialetto d'ingresso a piedi fino all'abitazione, dove si sono introdotti sfondando un finestrone. "Avevano il volto coperto da un passamontagna - dice Macrì -, e uno dei due aveva in mano un'arma: una pistola. Pensavano di avere via libera, di non trovare nessuno. Invece non è andata così".

La collaboratrice sentendo i rumori si è affacciata nella stanza e ha visto due persone. A quel punto ha iniziato ad urlare, poi, cercando di mantenere la lucidità, ha chiamato subito aiuto.

"In cinque minuti sono uscito dal lavoro e sono arrivato a casa - dice Macrì - ho trovato la signora terrorizzata, ma dei rapinatori nessuna traccia. Questa volta si può dire che sia andata bene: non hanno preso niente e nessuno si è fatto male. Ma la situazione è davvero difficile: non ci si può sentire sicuri nemmeno in casa propria".

La tentata rapina è avvenuta in pieno giorno, fortunatamente in casa non era presente la famiglia e le due bimbe: "Resta una grande amarezza", dice Macrì.

Sulla vicenda stanno indagando i Carabinieri che si sono recati immediatamente sul posto. Adesso è caccia all'uomo. I rapinatori si sarebbero allontanati con la solita auto scura, ma per il momento sembrano aver fatto perdere le proprie tracce.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinatori fanno irruzione in casa di Francesco Macrì: messi in fuga dalla collaboratrice

ArezzoNotizie è in caricamento