Venerdì, 23 Luglio 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Raffica di truffe agli anziani, altri due arresti

Altri due arresti nell'ambito dell'operazione contro le truffe agli anziani portata a termine la scorsa settimana dai carabinieri aretini. Due giovani, uno di 22 e uno di 23 anni, erano sfuggiti al blitz dei militari della compagnia di Arezzo...

Altri due arresti nell'ambito dell'operazione contro le truffe agli anziani portata a termine la scorsa settimana dai carabinieri aretini.

Due giovani, uno di 22 e uno di 23 anni, erano sfuggiti al blitz dei militari della compagnia di Arezzo ma, dopo ulteriori indagini, il nucleo operativo ha individuato gli altri due indagati che erano riusciti a sfuggire alla misura di custodia emessa dal Tribunale di Arezzo.

Il primo, un 22enne, è stato trovato in provincia di Caserta dove si era allontanato da qualche giorno.

Il giovane è stato arrestato nel Comune di Arienzo (Ce) grazie alla collaborazione dei militari della compagnia di Maddaloni (Ce): è stato poi portato nella casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

Il secondo, un 23enne destinatario della misura degli arresti domiciliari, è stato invece rintracciato all'interno di una abitazione di una parente nei pressi del quartiere Scampia di Napoli.

La misura di custodia cautelare è stata notificata grazie alla collaborazione dei militari del comando provinciale di Napoli. L’arrestato è stato accompagnato nella sua casa.

Il meccanismo della truffa

L'indagine era stata avviata nel novembre 2016, a seguito di una serie di truffe consumate nel territorio della provincia di Arezzo, e ha permesso di individuare e ricostruire un’organizzazione malavitosa di soggetti originari e residenti in provincia di Napoli che commettevano raggiri a persone anziane su tutto il territorio nazionale. Le vittime venivano individuate consultando i siti internet contenenti riferimenti telefonici e indirizzi.

A coordinare l’attività era una donna che a sua volta si avvaleva del supporto di alcuni “addetti” alla logistica, di telefonisti e poi di emissari che avevano il compito di riscuotere la caparra dalle vittime. I telefonisti si presentavano spacciandosi per carabinieri, avvocati o agenti di società assicurative, rappresentando generalmente un grave sinistro stradale dove era rimasto coinvolto un prossimo congiunto della vittima (solitamente un figlio o un nipote). Convinta la vittima, entravano in azione gli emissari chiedendo denaro in cambio della possibilità di mitigare la situazione del congiunto.

VIDEO @MattiaCialini
Si parla di

Video popolari

Raffica di truffe agli anziani, altri due arresti

ArezzoNotizie è in caricamento