Cronaca

"Nessuna diffamazione", assolto componente del Comitato Acqua Pubblica che aveva parlato dei debiti di Nuove Acque

La storia comincia 8 anni fa quando un componente del Comitato Acqua Pubblica in un intervento pubblico evidenziò che Nuove Acque aveva un “deficit” di 55 milioni di euro facendo riferimento al debito verso le banche di Nuove Acque per il...

giustizia-tribunale

La storia comincia 8 anni fa quando un componente del Comitato Acqua Pubblica in un intervento pubblico evidenziò che Nuove Acque aveva un "deficit" di 55 milioni di euro facendo riferimento al debito verso le banche di Nuove Acque per il cosiddetto project financing. Nuove Acque lo querelò ritenendo di aver subito una diffamazione a mezzo stampa.

Oggi il Tribunale di Perugia ha giudicato il fatto citato dal componente del Comitato "verissimo e peraltro facilmente desumibile anche dal bilancio depositato alla Camera di

Commercio da dove si evinceva il debito di Nuove Acque di 55 milioni di euro; di conseguenza il Tribunale ha che non esiste alcuna diffamazione e ha assolto l'imputato". Ad annunciare la sentenza è stato lo stesso Comitato Acqua pubblica che però si dice non contento e pone una serie di interrogativi.

"Quale è stato il vero motivo della querela? - chiede il Comitato - Inoltre riteniamo che Nuove Acque in questo procedimento abbia speso una ingente cifra in avvocati. Può Nuove Acque, società a maggioranza pubblica, informare i cittadini sull'entità di queste spese? In secondo luogo può Nuove Acque rendere noto ai cittadini e utenti come verranno pagate le spese

legali di questo assurdo procedimento penale? A queste domande chiediamo a Nuove Acque una precisa e sollecita risposta".
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Nessuna diffamazione", assolto componente del Comitato Acqua Pubblica che aveva parlato dei debiti di Nuove Acque

ArezzoNotizie è in caricamento