Martedì, 27 Luglio 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Processo mediatico, toghe e penne a confronto in una tavola rotonda

Processo mediatico: se ne sente parlare sempre più spesso. I fatti di cronaca, e i risvolti giudiziari che hanno, sono sempre più presenti sulle pagine dei giornali e tra i titoli dei tg. E spesso il racconto dei media resta impresso nell'opinione...

Processo mediatico: se ne sente parlare sempre più spesso. I fatti di cronaca, e i risvolti giudiziari che hanno, sono sempre più presenti sulle pagine dei giornali e tra i titoli dei tg. E spesso il racconto dei media resta impresso nell'opinione pubblica per lungo tempo.

Di questo argomento si parla oggi presso l'hotel Etrusco in una tavola rotonda promossa dall'Ordine degli avvocati di Arezzo. Un confronto tra toghe e penne volto ad approfondire un tema quanto mai attuale. Basti pensare che proprio oggi le tv nazionali hanno comunicato in diretta, nei programmi pomeridiani sia della Rai che di Mediaset, la sentenza di condanna pronunciata dalla corte d'appello di Firenze a carico di Padre Gratien Alabi.

Confermando così l'attenzione riservata ai risvolti giudiziari di questa vicenda.

Ma ad Arezzo di processi che hanno avuto un grande richiamo mediatico negli ultimi anni se ne sono celebrati numerosi: da quello per la morte di Gabriele Sandri, che ha visto sul banco degli imputati l'agente Luigi Spaccarotella, agli attuali procedimenti per il crac di Banca Etruria; dalla scomparsa di Guerrina Piscaglia alla morte di Martina Rossi.

Ma come nasce un processo mediatico? E perché? E ancora: può la pressione mediatica in qualche modo sollecitare il legislatore verso specifiche tematiche?

Alla tavola rotonda, introdotta dall'avvocato Gianni Bertuccini (Presidente del Movimento Forense sezione di Arezzo) e moderata da Alberto Merelli, partecipano il procuratore capo di Arezzo Roberto Rossi, il presidente della sezione penale presso il Triubunale di Arezzo Giovanni Fruganti, il giudice della sezione civile Marco Cecchi, gli avvocati Luciano Ghirga del foro di Perugia (che ha assistito Amanda Knox in uno dei processi più mediatici celebrati in Italia), Piero Melani Graverini (presidente del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Arezzo), Roberto De Fraja (presidente della Fondazione Forense di Arezzo).

Alla tavola rotonda presente anche Arezzo Notizie, con Nadia Frulli.

Tra i relatori Salvatore Mannino de La Nazione e la giornalista Barbara Perissi di Teletruria e Ansa.

Si parla di

Video popolari

Processo mediatico, toghe e penne a confronto in una tavola rotonda

ArezzoNotizie è in caricamento