Cronaca

Precipita con l'auto nel dirupo e muore: niente autopsia. Domani il funerale

Un malore, una manovra sbagliata, una distrazione. Sono le ipotesi dietro il fatale volo con l'automobile che ha portato alla morte di Renato Postiferi, 84 anni. Possibilità che però non saranno verificate: il pm aretino Angela Masiello ha aperto...

Renato-Postiferi

Un malore, una manovra sbagliata, una distrazione. Sono le ipotesi dietro il fatale volo con l'automobile che ha portato alla morte di Renato Postiferi, 84 anni. Possibilità che però non saranno verificate: il pm aretino Angela Masiello ha aperto e di fatto chiuso il fascicolo sul suo decesso, restituendo la salma ai familiari. Il funerale del pensionato cortonese, morto ieri all'ora di pranzo in località Torreone, poco fuori il centro storico di Cortona, si terrà domani pomeriggio alle 15, nella cattedrale della cittadina etrusca. Forse un arresto cardiaco ha determinato l'incidente, ma, secondo il parere dei sanitari, l'84enne sarebbe comunque morto sul colpo a seguito dell'impatto al suolo, vista la gravità delle lesioni riportate alle vertebre del collo.

L'uscita e l'incidente

Chiariti i dettagli dell'allontanamento di Postiferi, avvenuto ieri poco dopo mezzogiorno. L'uomo, preoccupato per la lunga inattività della sua automobile, una Fiat Punto grigia, aveva deciso di rimetterla in moto per evitare che la batteria si scaricasse. Poco dopo, il sinistro. Imboccata la provinciale 34, in località Torreone, a due chilometri dalla sua casa di via Rinfrena (nel centro storico), Postiferi è precipitato con la Punto in una scoscesa scarpata, profonda una trentina di metri. Tremendo l'impatto al suolo. Forse il conducente ha perso il controllo del mezzo per una distrazione, oppure c'è stata una manovra di retromarcia errata (non c'è guard rail in quel punto) alla base dell'incidente, o ancora potrebbe essersi verificato un malore. In ogni caso, il volo non avrebbe lasciato scampo all'uomo.

La denuncia della scomparsa e le ricerche

La moglie e la figlia, non vedendo il pensionato rientrare, si sono subito allarmate e hanno contattato i carabinieri. La formale denuncia di scomparsa è stata fatta intorno alle 16,30 ma le ricerche era già partite. In tanti si sono uniti ai militari dell'Arma: amici, parenti, conoscenti. La battuta è durata per tutto il pomeriggio; anche dopo il tramonto i ricercatori non si sono fermati. Soltanto poco prima della mezzanotte, però, un congiunto dell'84enne ha avvistato l'auto in fondo al dirupo.

L'accertamento del decesso e il recupero della salma

I vigili del fuoco hanno lavorato a lungo nella notte. Per prima cosa hanno calato con il verricello il medico legale che ha accertato il decesso dell'uomo, rimasto per ore senza vita (almeno 8-10 secondo i sanitari) all'interno dell''abitacolo. Poi sono iniziate le lunghe operazioni di recupero della salma. Dopo una prima valutazione medica sul cadavere, la procura aretina ha poi deciso di restituire la salma ai familiari e permettere così il funerale in tempi rapidi. Le esequie, curate dalla Ifa Tre, si svolgeranno domani pomeriggio a partire dalle 15.

@MattiaCialini

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Precipita con l'auto nel dirupo e muore: niente autopsia. Domani il funerale

ArezzoNotizie è in caricamento