Cronaca

Un membro del cda di Nuove Acque è indagato

La notizia arriva dalla zona di Benevento dove da tempo va avanti un'ampia inchiesta sul sistema di depurazione e le condizioni dei fiumi. Piero Ferrari all'interno del gestore del servizio idrico sannita rappresentava Acea

Un componente del consiglio di amministrazione di Nuove Acque è indagato in Campania. Si tratta di Piero Ferrari, che nella compagine del gestore del servizio idrico aretino rappresenta il socio privato Acea. E' entrato a farne parte nel novembre 2020 ed è tuttora in carica, come si evince dal suo curriculum vitae. Ferrari, che attualmente è anche amministratore delegato dell'Acquedotto del Fiora, è stato l'uomo di Acea a Benevento, all'interno della locale piero-ferrari-acquedotto-del-fiora-2azienda Gesesa dove, fino al gennaio 2019, è stato ad. Il manager sarebbe coinvolto in un'ampia indagine, portata avanti in più step proprio dalla procura sannita con il braccio operativo dei carabinieri di Napoli, sulla progettazione e la gestione dei depuratori della città di Benevento, un appalto da 12 milioni di euro. Le ipotesi accusatorie nei suoi confronti andrebbero dall'abuso d'ufficio alla possibile turbativa d'asta per l'affidamento del servizio alla Gesesa stessa. Al centro dell'inchiesta le modalità di acquisizione del mandato a Gesesa per la progettazione del nuovo sistema di depurazione per la città di Benevento.

Secondo quanto riporta Il Mattino del 16 marzo scorso questa sarebbe stata "un'iniziativa ritenuta illegittima dagli inquirenti, secondo i quali l'affidamento sarebbe dovuto andare solo a società interamente pubbliche." Per Ferrari e altri protagonisti dell'inchiesta la Procura, tra le fine del 2021 e i primi mesi del 2022, ha chiesto più volte misure cautelari, dalla carcerazione ai domiciliari, per evitare inquinamento di prove o possibili reiterazione dei reati, ma per adesso non sono state concesse dal gip. Nelle carte della Procura, secondo quanto rivelato da Il Fatto Quotidiano, si legge che i fiumi “in certi tratti sono cloache a cielo aperto”. Occhi puntati sul lacunoso sistema di depurazione quindi, che si sarebbe dovuto rafforzare con l'apporto di Gesesa, l'azienda che per il 58% è di proprietà di Acea.

Cosa è Acea

Acea S.p.A. sta per Azienda Comunale Energia e Ambiente, è una società multiservizi italiana attiva nella gestione e nello sviluppo di reti e servizi nei settori idrico, energetico e ambientale. Il capitale dell'azienda è ripartito in un misto pubblico-privato tra: Roma Capitale, che è socio di maggioranza, l'azienda francese Suez e l'imprenditore Francesco Gaetano Caltagirone. Le società del gruppo Acea sono: Acquedotto del Fiora (40%), Publiacqua (40%), Gesesa 58%, Intesa Aretina 35%, Nuove Acque 46%,

Cos'è l'Acquedotto del Fiora

L'acquedotto del Fiora è un'infrastruttura interregionale di approvvigionamento idrico, gestita dall'omonima azienda, che approvvigiona una vasta area a cavallo tra la Toscana meridionale e il Lazio settentrionale. Permette il rifornimento d'acqua potabile all'intera provincia di Grosseto e alla parte centro-meridionale della provincia di Siena, per uso agricolo, domestico e industriale. E' composta da soci pubblici e da Ombrone, il socio privato composto per la maggioranza da Acea. Da gennaio 2019 Piero Ferrari è amministratore delegato di Acquedotto del Fiora.

Nuove acque, i soci e il cda

Piero Ferrari è attualmente il membro del consiglio di amministrazione di Nuove Acque, uno dei nove. Di questi infatti quattro sono indicati dai soci pubblici e sono il presidente in scadenza Paolo Nannini e i consiglieri Giancarlo Cateni, Mario Mariottini e Graziano Agostini. A questi si aggiungono Francesca Menabuoni, che ha il ruolo di amministratore delegato. Poi ci sono Alexandre Brouzes, Aurelia Marie Binet Carrere e Claudia Calosci. E' utile ricordare anche chi sono i soci di Nuove Acque: i comuni, la provincia, la Comunità montana del Casentino, l'Unione montana Valtiberina, Coingas, Intesa, intesa aretina scarl, Suez Italia, Acea, Intesa San Paolo e Monte dei Paschi. Nuove Acque ha in programma la sua assemblea dei soci per il prossimo 10 maggio, con l'approvazione del bilancio terminerà il mandato del presidente Nannini. Nel centro destra è in corso un confronto per trovare l'uomo di fiducia "e con le giuste competenze" ha specificato il sindaco Ghinelli per il prossimo presidente che spetta alla Lega.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un membro del cda di Nuove Acque è indagato
ArezzoNotizie è in caricamento