Delirio al bar perché vuole entrare a petto nudo e senza mascherina: arrestato

Un 35enne si è messo a insultare la titolare dell'esercizio, i carabinieri e pure i sanitari che lo hanno visitato. E' accusato di resistenza e minacce continuate, lesioni aggravate e oltraggio a pubblico ufficiale, ubriachezza

Immagine di repertorio

Ha provato a entrare in un bar a petto nudo e senza mascherina: fermato, ha dato in escandescenze. Sono intervenuti i carabinieri, ma non è bastata la vista delle forze dell'ordine a calmarlo: l'uomo è stato così arrestato. Operazione, in ogni caso, non semplice: un militare è rimasto lievemente ferito.

La ricostruzione dei militari

Sono stati i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di San Giovanni Valdarno e quelli della Stazione di Loro Ciuffenna ad intervenire in un bar di Corso Italia, nel centro di San Giovanni Valdarno, dopo che la titolare, una donna di origine straniera, aveva chiesto il loro intervento per una persona che, nei pressi del locale, appariva fuori di sé. Un uomo di 35 anni, italiano e residente in un comune vicino, a torso nudo e senza mascherina, voleva entrare all’interno dell’esercizio, per questo è stato richiamato dal personale del bar. Così è scattata la violenta reazione: l’uomo ha dato in escandescenza, iniziando a offendere pesantemente tutti i presenti. I carabinieri sono giunti sul posto rapidamente, ma alla loro vista il 35enne non ha accennato a fermarsi: ha iniziato a inveire anche contro i militari, spintonandoli; dopo alcuni tentativi per riportarlo alla ragione, il personale dell'Arma lo ha ammanettato: nel corso dell’operazione un vice brigadiere è anche rimasto lievemente ferito a un ginocchio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le conseguenze

La furia del 35enne è continuata in caserma. L'uomo avrebbe continuato a urlare e a inveire "verosimilmente sotto l’effetto di alcol e altre sostanze", riferiscono i carabinieri. Anche il personale medico, chiamato per visitare l'arrestato, è stato pesantemente insultato. Le accuse che hanno portato all'arresto sono resistenza e minacce continuate, lesioni aggravate a pubblico ufficiale, oltraggio a pubblico ufficiale e ubriachezza, in quanto l'uomo era già condannato per reati contro la persona (altrimenti c'è solo una sanzione amministrativa). E' stata inoltre elevata la sanzione per la violazione della normativa Covid 19 che prevede il pagamento di 280 euro di multa. Per il 35enne sarà valutata anche la misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio da San Giovanni Valdarno, visto che risiede altrove.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma della strada: perde la vita in un terribile schianto alle porte di Arezzo

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Muore a 24 anni nello schianto tra Monte San Savino e Arezzo

  • Doppio dramma della strada: Enrico e Stefano, due vite spezzate

  • Ciclista va in arresto cardiaco e cade rovinosamente. Rianimato: è grave

  • "Addio Enrico", quell'amore per moto e calcetto. Il dolore di Palazzo del Pero: attesa per i funerali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento