Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Aveva fatto perdere le sue tracce, la squadra mobile lo becca a Saione. In carcere per l'operazione Buratto

Un uomo di 47 anni originario della Tunisia N.L. le sue iniziali è stato arrestato dalla squadra mobile della questura di Arezzo. Nel corso dell'aprile 2016 era infatti incappato nelle maglie dell'operazione Buratto volta a smantellare...

droga-mobile

Un uomo di 47 anni originario della Tunisia N.L. le sue iniziali è stato arrestato dalla squadra mobile della questura di Arezzo. Nel corso dell'aprile 2016 era infatti incappato nelle maglie dell'operazione Buratto volta a smantellare un'organizzazione criminale dedita allo spaccio di cocaina ed eroina ad Arezzo.

Dopo attività di intercettazione, osservazione e pedinamenti erano stati individuato 17 persone tra albanesi e tunisini colpite da provvedimenti cautelari.

Il 47enne però aveva fatto perdere le sue tracce e per questi due anni è stato quindi lontano dal carcere. Gli agenti però lo hanno rintracciato a Saione dopo una lunga attività investigativa. Al momento del fermo, nella giornata di ieri, si trovava con altri pregiudicati per spaccio di droga.

L'operazione Buratto aveva permesso di smantellare un'organizzazione criminale dedita allo spaccio di cocaina e eroina articolata in alcuni canali di approvvigionamento all'ingrosso gestita da tre cittadini albanesi che smerciavano su strada le dosi tramite alcuni cittadini nordafricani, per la maggior parte tunisini.

/cronaca/stroncato-maxi-giro-di-spaccio-9-arresti-e-decine-di-consumatori-identificati-loperazione-della-polizia-di-arezzo/

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aveva fatto perdere le sue tracce, la squadra mobile lo becca a Saione. In carcere per l'operazione Buratto

ArezzoNotizie è in caricamento