menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Lasciava la figlia di 7 anni da sola in casa per ore", padre condannato per abbandono di minore

La vicenda risale ad alcuni anni fa, ma solo ieri è giunta a sentenza. Dalla denuncia della madre alla sentenza

Avrebbe dovuto trascorrere i suoi pomeriggi con il padre. Era lui che andava a prenderla a scuola e che doveva occuparsi della figlioletta di 7 anni finché la mamma non tornava dal lavoro. Ma stando a quanto sostenuto in tribunale dall'accusa, per lungo tempo l'uomo avrebbe lasciato la bambina da sola in casa. Per questo un 58enne aretino è stato condannato dal Tribunale di Arezzo a sette mesi per abbandono aggravato e reiterato della figlia. 

La vicenda, per la quale ieri il giudice Claudio Lara si è espresso, risale al 2015. Il padre, disoccupato, in base a quanto ricostruito dal pm Luigi Niccacci, per un periodo sarebbe andato a prendere la figlioletta a scuola e poi la l'avrebbe lasciata casa da, andandosene e lasciando la porta aperta. Dove andava? La bambina durante il procedimento ha riferito che il genitore andava dalla madre "a fare una doccia": era questa la scusa che sarebbe stata addotta di fronte alla piccola.  La bambina nel frattempo provvedeva da sola ai propri bisogni: dal cibo alla compagnia. Avrebbe infatti anche invitato qualche amica a giocare con lei.

Alcune ore dopo la mamma della bambina al rientro dal lavoro l'avrebbe ritrovata sempre più spesso da sola. Una situazione che avrebbe causato litigi nella coppia e che avrebbe portato la donna - parte civile nel processo e rappresentata con la figlioletta dall'avvocato Tommaso Acuti - ad allertare carabinieri e assistenti sociali. 

Ma la denuncia per abbandono di minore che ha portato al processo scaturì da un episodio specifico: un pomeriggio, rincasando dal lavoro, la donna raccontò alle forze dell'ordine di aver trovato la figlioletta da sola in terrazza, intenta in un gioco ritenuto pericoloso

Durante il processo sono stati ascoltati vari testi. Anche la bambina ha raccontato la sua verità. E' stato inoltre chiamato a deporre anche un figlio avuto dal padre in precedenza. E nelle parole del ragazzo - che ha raccontato di aver saltato anche la scuola per poter essere a casa della sorellina in tempo per prepararle qualcosa da mangiare per pranzo - il giudice avrebbe trovato conferme su quanto raccontato dalla bambina. 

Il pm ha così chiesto una condanna a 7 mesi, che il giudice ha accolto. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento