Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Saione / Via Alessandro dal Borro, 17

Altre 14 condanne per lo spaccio al Pionta. Con la droga fu ritrovata anche una pistola

Questa seconda sentenza con rito ordinario, segue quella già avvenuta per coloro, un'altra decina di indagati, che avevano chiesto l'abbreviato

Quattordici spacciatori arrestati nella famosa operazione Duomo Vecchio del maggio 2019, sono stati condannati in primo grado, oggi, al Tribunale di Arezzo. Questa seconda sentenza con rito ordinario, segue quella già avvenuta per coloro, un'altra decina di indagati, che avevano chiesto l'abbreviato.

La condanna di tutto il gruppo conferma l'impianto accusatorio sostenuto dalla Pm Julia Maggiore che con il braccio operativo della Squadra Mobile di Arezzo e con i poliziotti sotto copertura fatti arrivare da Roma, riuscirono a dimostrare l'organizzazione massiccia che c'era dietro quella radicata attività di spaccio nel parco del Pionta, dove i tronchi degli alberi erano diventati i nascondigli preferiti per i panetti di droga e dove, nel corso della maxi retata che portò a 30 arresti, fu rinvenuta anche una pistola. Così che fu possibile procedere con flagranza differita alla cattura di coloro che cercando di eludere la legge, portavano con se, di solito, solo la modica quantità. Le immagini dello spaccio organizzato in zone e a cielo aperto al Pionta e il lavoro degli agenti, che si finsero clienti, furono determinanti.

Oggi per 10 degli imputati sono arrivate condanne che vanno dai 4 anni e mezzo ai 6 anni e otto mesi, mentre per gli altri quattro la pena comminata è stata più lieve.

Blitz antidroga al Pionta 9 maggio 2019

Il giorno del blitz al Pionta

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Altre 14 condanne per lo spaccio al Pionta. Con la droga fu ritrovata anche una pistola

ArezzoNotizie è in caricamento