Operai della manutenzione bruciano cespugli: incendiato un ettaro di campagna aretina. Tre denunce

L'incendio si è verificato tre giorni fa, i carabinieri forestali hanno individuato i responsabili

Un incendio in campagna in pieno inverno, fortuntamente, è un evento raro. Ma la disattenzione nell'accendere fuori all'aperto è la prima alleata dei roghi boschivi, anche nei giorni più freddi se siccitosi e ventosi. Tre giorni fa un un incendio di quasi un ettaro (8.400 metri quadri di campagne in fumo) è divampato perché il fuoco degli scarti vegetali acceso dagli operai di una ditta specializzata nella manutenzione boschiva è improvvisamente diventato senza controllo per un colpo di vento.

Sono stati i carabinieri forestali della stazione di Loro Ciuffenna a ricostruire l'accaduto, individuando i responsabili dell'incendio che si è sviluppato lunedì scorso, 18 febbraio, nel comune di Castelfranco Piandisco, in località Pian di Stadera.

Le fiamme sono scoppiate nel primo pomeriggio interessando una superficie di 8.400 metri quadrati di cespugli e arrivando a lambire un bosco, "risparmiato" dal pronto intervento degli operatori a terra, oltre che di un elicottero. A chiamare gli aiuti, gli stessi operai della ditta che si stava occupando dei lavori di ripulitura di un terreno, con taglio degli arbusti e abbruciamento dei resti verdi.

I forestali sono sopraggiunti con l’incendio in corso, avviando subito le indagini.

I tre operai della ditta - spiegano i forestali - hanno ammesso che mentre provvedevano a bruciare le piante tagliate un colpo di vento ha reso le fiamme non più controllabili. Dopo un inutile tentativo di spegnere l’incendio con i propri mezzi, gli stessi hanno dato l’allarme, avvertendo l’Unione dei Comuni del Pratomagno. Sono quindi intervenute le forze antincendio, che hanno domato le fiamme in circa due ore.

Terminati gli accertamenti, i militari hanno denunciato i tre operai per incendio boschivo colposo, in quanto le fiamme, che pure non hanno interessato il bosco, potevano estendersi al suo interno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Visto il periodo il periodo piuttosto siccitoso - dicono i forestali - anche se siamo ancora in inverno, si raccomanda a tutti i cittadini di evitare se possibile o comunque prestare la massima attenzione nello svolgere pratiche agricole che prevedono l’uso del fuoco: scegliendo giornate senza vento, riunendo il materiale in piccoli cumuli in spazi liberi ripuliti da vegetazione e altri residui infiammabili, non operando mai da soli ma in presenza di un numero adeguato di persone, sorvegliando il fuoco fino al suo completo spegnimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Arezzo, già 12 casi di Legionella. La Asl: "Ecco come si può contrarre e come prevenirla"

  • Travolta dal marito in retromarcia: è in prognosi riservata

  • Il prof Caremani: "Attenzione, il virus non è più buono d'estate. E i politici diano l'esempio, vedo foto da irresponsabili"

  • Un'altra vittima in moto: scontro fatale per un 61enne. Era presidente del Consorzio Agrario di Ancona

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento