Cronaca San Polo

Omicidio di San Polo, Mugnai scarcerato dopo l'interrogatorio

L'arresto è stato convalidato ma la giudice ha disposto l'uscita da San Benedetto perché non ci sono esigenze cautelari

Dopo tre notti in carcere è stato scarcerato oggi Sandro Mugnai il fabbro che per difendere la sua famiglia ha sparato e ucciso Gezim Dodoli.

La decisione è stata presa dopo l'interrogatorio di garanzia che si è tenuto alla casa circondariale di Arezzo di fronte al giudice Giulia Soldini. Mugnai, assistito dai suoi legali Piero Melani Graverini e Marzia Lelli, ha spiegato i fatti, ripercorrendo i terribili momenti durante i quali mentre si trovava in casa con i familiari a cena, ha subito l'attacco dell'escavatore manovrato dal vicino di casa. Nella tranquilla zona di San Polo si sono susseguiti primai colpi alle auto, poi i danni all'abitazione. La benna contro le mura l'hanno resa inagibile e in quei momenti per la famiglia di Mugnai era impossibile uscire fuori per mettersi al riparo da un eventuale crollo. L'uomo si sarebbe mosso imbracciando il fucile da caccia per legittima difesa.

Per Mugnai, nei cui confronti l'accusa è rappresentata dal Pm Laura Taddei, è arrivata la convalida dell'arresto e la scarcerazione perché non sussistono esigenze cautelari. 

... notizia in aggiornamento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di San Polo, Mugnai scarcerato dopo l'interrogatorio
ArezzoNotizie è in caricamento