menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio di Maria, i legali di Ferrini nella casa del delitto a caccia di riscontri

Si è svolto oggi il sopralluogo nell'abitazione dove la 59enne viveva e dove si è consumato il terribile omicidio

Un lungo sopralluogo nella casa dove Maria è stata uccisa. E' quello che è stato compiuto oggi dall'avvocato di Federico Ferrini, il giovane che reo confesso dell'omicidio della 59enne Maria Aparecida Venancio De Sousa lo scorso 26 agosto. Il legale, Gionata Giannini, insieme al consulente Luca Grisolini e a una biologa, dopo aver presentato una istanza al tribunale di Arezzo, hanno ottenuto il permesso di varcare la soglia dell'appartamento di via della Robbia dove la donna viveva e incontrava i suoi clienti. 

I legali hanno cercato conferme di quanto raccontato da Ferrini nella sua confessione (non priva di contraddizioni) di fronte al giudice per le indagini preliminari Fabio Lombardo. Si sono soffermati nel calcolo delle distanze tra ingresso e camera (dove Maria è stata trovata morta), sono entrati nel bagno (dove Ferrini avrebbe lavato via le tracce di sangue), hanno insomma cercato riscontri di quanto raccontato in aula e ricostruito con più precisione quanto è avvenuto. A partire da questi rilievi, potrà essere costruita una strategia difensiva. 

Sempre oggi è stata depositata la perizia sul Dna svolta sui reperti raccolti dalla Polizia Scientifica sul luogo del delitto e sugli abiti di Ferrini. Si tratta di circa mille pagine che il legale, i suoi periti, ma anche la procura, adesso potranno attentamente studiare. All'appello adesso mancano solo i risultati dell'autopsia che dovranno chiarire se effettivamente, come hanno sostenuto fin da subito gli inquirenti, ad essere letali siano statii colpi inferti alla testa della donna. 

Infine gli accertamenti, ancora in corso, dei conti correnti. Dopo aver scrupolosamente analizzato i conti di Ferrini, gli agenti della Squadra Mobile diretta da Francesco Morselli, si sono concentrati su quelli di Maria. Il dubbio da chiarire, per comprendere a fondo il movente, è legato alla presenza di prestiti da parte della donna al 38enne.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Toscana zona gialla da quando? Gli scenari

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento