Omicidio di Maria, caccia al dna di Ferrini sulla cordicella del delitto. La richiesta del legale dell'uomo

Nei prossimi giorni dovrebbe essere depositata la relazione dell'équipe di medicina legale dell'Università di Siena che eseguì l'autopsia sulla donna

"L'esame del dna del mio assistito è stato richiesto anche sulla cordicella utilizzata per il delitto", così il legale di Federico Ferrini,  l'uomo che lo scorso 26 agosto uccise Maria Aparecida Venancio De Sousa, racconta questa delicatissima fase delle indagini difensive. 

"A me e ai periti che ho coinvolto - spiega l'avvocato Gionata Giannini - sembra assurdo che all'interno dell'abitazione e nei reperti inizialmente analizzati, non sia emersa nessuna traccia di Ferrini. Se è stato tre ore all'interno di quella casa, se ha fatto quanto ha confessato, ci devono essere pure delle tracce. Il dna della vittima non era né sui vestiti né sull'auto di Ferrini e quello dello stesso Ferrini non era nell'abitazione. Dobbiamo chiarire meglio quanto accaduto". 

Sono queste le motivazioni che hanno spinto il legale, in seguito al sopralluogo avvenuto lo scorso 15 novembre, a richiedere nuovi esami del dna su alcuni reperti. La "cordicella" ovvero il nastro da pacchi che fu trovato legato al collo della 59enne è uno di questi. "Ma ce ne sono altri che non erano stati analizzati". Il legale non scende nei dettagli: il riserbo si fa stretto. 

Resta l'attesa per i risultati che potrebbero arrivare da un giorno all'altro. E sempre nei prossimi giorni dovrebbe essere depositata la relazione dell'équipe di medicina legale dell'Università di Siena che eseguì l'autopsia sulla donna. I dubbi che avanza la difesa di Ferrini sono legati ai colpi alla testa. Ferrini ha confessato in aula, di fronte al Gip Fabio Lombardo, di aver colpito la donna con una spranga. Ma stando alla tesi della difesa, i colpi potrebbero non aver procurato fratture mortali. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ferrini si trova nel carcere di Arezzo, accusato di omicidio volontario. Al momento non gli sono state contestati aggravanti. Agli inquirenti prima e al giudice poi, ha raccontato di aver ucciso Maria perché lei lo ricattava. Ma nella sua ricostruzione sono emersi fin da subito molti dubbi, tanto che lo stesso gip chiese ulteriori approfondimenti sul movente. E proprio la squadra mobile della Polizia di Stato ha analizzato tutti i conti correnti - di Ferrini e di Maria - per capire cosa possa nascondersi dietro al delitto. Dal ricatto ad un prestito difficile da restituire i passo potrebbe essere molto più breve di quanto si possa immaginare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento