menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Delitto di via della Robbia, i quattro telefoni di Maria sotto sequestro e le analisi sul Dna. I tasselli dell'indagine

Le indagini della Polizia Scientifica, guidata da Francesco Morselli, sono in una fase delicatissima: è il momento di stringere il cerchio intorno all'assassino di Maria Aprecida De Sousa. Di tracce potrebbe averne lasciate molte. Da quelle biologiche a quelle telematiche

Lo scontrino di un pasto consumato in pizzeria, quattro telefoni cellulari e poi tracce di sangue e di altro materiale biologico. Reperti che assomigliano a tanti pezzi di un puzzle al quale stanno alacremente lavorando gli inquirenti per ricostruire, tassello dopo tassello, il mistero del delitto di via della Robbia. Adesso le indagini della Polizia Scientifica, guidata da Francesco Morselli, sono in una fase delicatissima: è il momento di stringere il cerchio intorno all'assassino di Maria Aprecida Venancio De Sousa. Di tracce potrebbe averne lasciate molte. Da quelle biologiche a quelle telematiche. 

La Polizia ha infatti sequestrato tutti i cellulari della donna, che pare averne avuti quattro. Non è chiaro se siano apparecchi utilizzati fino al giorno della morte o se solo uno venisse ancora utilizzato costantemente e gli altri fossero più datati. Comunque all'interno conservano presiosi riferimenti, tantissimi contatti, numeri di telefono che potrebbero ricondurre a chi l'ha uccisa. L'assassino è stato fatto accomodare in casa da Maria, non c'erano segni di effrazione nell'abitazione e tutta la situazione alla quale si sono trovati di fronte gli inquirenti, il fatto che la donna fosse stata seminuda, lascia capire che l'incontro con un uomo sarebbe effettivamente avvenuto prima del delitto. 

Il giorno dopo la scoperta del corpo anche gli agenti  della Polizia Scientifica per la Toscana, di Firenze, guidati da Paolo Terracciano, hanno svolto un sopralluogo. Il loro compito è stato quello di prevelare reperti soprattutto di tipo biologico per poi analizzarli nei laboratori fiorentini, dove è possibile fare accertamenti ancora più accurati. I risultati saranno comunicati alla Procura e potrebbero rappresentare la chiave di volta per risolvere il mistero di via della Robbia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Zecchino d’Oro: aperti i casting online per la Toscana

  • Gossip Style

    Estate 2021, la moda delle perline colorate

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento