menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ex Etruria. Attesa per la sentenza sulle obbligazioni azzerate, 13 davanti al giudice

L'associazione Vittime del salvabanche questa mattina è pronta a scendere nuovamente in piazza per attendere il verdetto che sarà pronunciato dal giudice Angela Avila

E' atteso per quest'oggi il primo verdetto riguardante le celeberrime obbligazioni azzerate della ex Etruria.
Continuano a ritmi serrati le udienze in tribunale per quella maxi inchiesta che ha portato la Procura della Repubblica di Arezzo ad indagare su quello che passerà alla storia come il più grande e complicato scandalo bancario della cronaca nazionale.

Questa mattina sul banco degli imputati tornano i direttori e gli impiegati denunciati da correntisti.  L'accusa è quella di essere stati troppo disinvolti nella vendita di quelle obbligazioni subordinate che, nel novembre del 2015, dopo l'entrata in vigore del decreto salva-banche divennero carta straccia.

L'accusa per loro è di truffa e istigazione alla truffa. In questo senso il pm Julia Maggiore ha richiesto pene che vanno da tre a due anni e mezzo per quattro funzionari (per il quinto è stata richiesta l'assoluzione) e da un anno a sei mesi per i dipendenti.

Sono in tutto tredici le persone coinvolte che quest'oggi sapranno quale decisione prenderà nei loro confronti il giudice Angela Avila.

Tra questi anche i quattro manager dell'ex Etruria che, negli atti depositati dalla pubblica accusa, sono stati più volte indicati come "la cabina di regia", ovvero coloro che avrebbero spinto gli impiegati a vendere subordinate con una certa solerzia applicando anche un sistema di premi-punizioni a seconda della quantità di obbligazioni piazzate. Ipotesi negata con forza dagli accusati i quali hanno sempre dichiarato di essersi comportati in maniera trasparente.

In tanto, questa mattina, per strada torneranno le Vittime del Salvabanche, l'associazione capitanata da Letizia Giorgianni che dal 2015 si è formata proprio per raggruppare tutti coloro i cui risparmi erano stati polverizzati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento