Nuovo Dpcm in arrivo entro il 9 novembre. Possibili restrizioni nella mobilità tra Regioni

Le ipotesi su cui sta riflettendo il Governo per evitare un lockdown totale come quello di primavera. Ci sono situazioni critiche in Italia, quella toscana è peggiorata negli ultimi giorni

Giuseppe Conte, presidente del Consiglio

Un nuovo Dpcm è in arrivo. I contenuti saranno noti ai primi di novembre: verosimilmente sarà presentato entro il giorno 9 e porterà ad ulteriori restrizioni nella vita sociale, con la finalità di evitare il lockdown totale. "Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte - spiega Today - predisporrà un'ulteriore stretta con chiusure delle attività commerciali, ulteriori incentivi allo smart working nel pubblico e nel privato e paletti per gli spostamenti interregionali, probabilmente con il ricorso all'autocertificazione".

La situazione ad Arezzo e in Toscana

Gli ultimi tre giorni sono stati difficili sul fronte contagi in provincia di Arezzo: ieri il record (certo, a fronte di tamponi in aumento) di +302 positivi in un giorno. E se, fortuntamente, asintomatici e paucisintomatici risultano la maggioranza dei contagiati, è altrettanto vero come la pressione sugli ospedali di tutti Italia stia aumentando, e Arezzo ne è la prova, con la saturazione, due giorni fa, di Terapia intensiva al San Donato; circostanza che ha fatto accelerare la riorganizzazione dei posti letto all'ospedale aretino, con più spazio per pneumologia, malattie infettive e rianimazione. In Toscana i contagi viaggiano al ritmo di 2mila al giorno e il report della fondazione Gimbe piazza la regione, nella settimana dal 21 al 27 ottobre, al terzo posto per pressione sulle Terapie Intensive (3,2 ricoveri ogni 100mila abitanti, peggio fanno solo Val d'Aosta e Umbria) e al terzo per numero complessivo di casi (1.524 casi ogni 100mila, in testa ci sono Lazio e provincia autonoma di Bolzano).

Il nuovo Dpcm entro il 9 novembre per fronteggiare lo Scenario 4

Le misure del Governo dovranno servire - dice Today - a fronteggiare il cosiddetto Scenario 4, ovvero la "Situazione di trasmissibilità non controllata con criticità nella tenuta del sistema sanitario nel breve periodo, con valori di Rt regionali sistematicamente e significativamente maggiori di 1,5 (ovvero con stime IC95% di Rt maggiore di 1,5)": dal 14 ottobre alcune regioni sono vicine o sopra la soglia di 2: Lombardia, Piemonte, Campania, Liguria, Umbria e Valle d'Aosta. La situazione toscana è invece peggiorata sensibilmente negli ultimi giorni.

Sotto, i nuovi contagi in Italia dall'inizio dell'epidemia

contagi-italia-nuovi-2

Le opzioni nel nuovo Dpcm

Sono due le opzioni sul tavolo: la prima è quella più drastica ovvero chiudere tutto per almeno un mese lasciando aperte soltanto le fabbriche, le scuole materne e quelle elementari e i negozi dei generi di prima necessità rendendo possibile muoversi da casa se non per motivi validi e validati con l'autocertificazione; sarebbe una situazione molto vicina al lockdown totale; la seconda prevede invece chiusure a livello regionale e comunale, incentivi allo smart working nel pubblico e nel privato e paletti per gli spostamenti interregionali, sempre con l'autocertificazione.

Le ipotesi dei giornali: dalle restrizioni morbide al lockdown

L'ipotesi, che circolava sottotraccia già da alcuni giorni, è finita sui giornali ieri e oggi viene ulteriormente dettagliata. Repubblica, in articolo di Tommaso Ciriaco, scrive che la data di lunedì 9 novembre (che sarebbe quella limite in cui entrerebbero in vigore le nuove misure) è "a conoscenza di alcuni vertici della pubblica amministrazione, che hanno iniziato ad attrezzarsi per questa eventualità". La Stampa, in un articolo a firma di Paolo Russo, conferma che il giorno segnato sul calendario con il cerchio rosso è il 9 novembre, mentre il modello più cogente a cui sembra volersi rifare il premier è quello francese: per quella data un nuovo dpcm chiuderebbe tutto, probabilmente per un mese, lasciando aperte fabbriche, scuole materne ed elementari, aziende agricole, negozi alimentari, farmacie ed altri esercizi che vendono beni essenziali. Non ci si potrebbe muovere da casa propria senza un’autocertificazione che ne attesti la necessità per motivi di lavoro, salute o per fare la spesa.

"Il premier - prosegue Today - ora ha davanti tre possibili restrizioni: la prima sono i lockdown territoriali, limitati ai centri urbani più in crisi; a prima vista sembra semplice, in realtà si tratterebbe di chiudere grandi città come Milano, Napoli, Torino e Roma; la seconda restrizione è la chiusura dei confini regionali; la terza è la chiusura di tutte le scuole con l'estensione della didattica a distanza a ogni tipo di istituto. Se a queste restrizioni si aggiunge il divieto di mobilità e la chiusura delle attività essenziali si preconizza un nuovo lockdown in Italia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento