Neonato dimenticato nell'androne, il Tribunale dei Minori: "Con mamma e fratellino in una struttura protetta"

Domani mamma e bimbi saranno accolti nella "casa famiglia" individuata dagli assitenti sociali del Comune di Subbiano. E per loro ci sarà una nuova opportunità

Foto d'archivio

Verso una nuova vita. Da domani una giovane mamma riabbraccerà i suoi due bambini e la sua famiglia avrà una seconda chance. Il tribunale dei minori di Firenze venerdì scorso si è pronunciato sulla vicenda del neonato dimenticato nel cuore della notte tra il 5 e il 6 gennaio nell'androne dell'edificio di Saione dove viveva con i genitori e un fratellino. La storia del bimbo ha colpito molto gli aretini. 

Adesso quella famiglia avrà una seconda opportunità, in una struttura protetta, dove mamma e piccoli vivranno insieme. E dove il padre potrà fare visita tre volte a settimana.

La vicenda

Il neonato, di circa 4 mesi, dal momento del ritrovamento è stato affidato con un provvedimento urgente alle cure di medici e infermieri del reparto di Pediatria dell'Ospedale San Donato. Fortunatamente il tempo trascorso al freddo, a ridosso del portone dell'edificio, non ha causato danni. "E' un bambino bellissimo e sta bene", aveva rassicurato in una conferenza stampa il dottor Marco Martini, dirigente del reparto. Di fatto il piccolo è alla visita dei sanitari era risultato uno stato di "generale benessere" e senza alcun segno di maltrattamenti pregressi. Tutti elementi questi che sono stati valutati dal tribunale dei minori, chiamato a prendere una delicatissima decisione. E dopo 11 giorni si è pronunciato.

Neonato dimenticato nella notte nell'androne di un edificio

La decisione del tribunale

"La mamma e i due bambini - spiega Ilaria Mattesini, sindaco di Subbiano - vivranno insieme in una struttura protetta. Saranno accolti domani e inizieranno un percorso nuovo. Oltre a tutelari i bambini, sarà dato tutto il supporto necessario anche alla giovanissima mamma". 

Il neonato e il fratellino potranno così tornare a vivere insieme alla mamma, sotto ad uno stesso tetto. I servizi sociali del Comune di Subbiano, dove è residente la madre, hanno lavorato senza sosta negli ultimi giorni per trovare una soluzione: nel territorio provinciale infatti, non è stato possibile trovare una struttura che potesse ospitare tutti e tre. Intense ricerche hanno portato ad una struttura fuori provincia pronta ad accoglierli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I nostri servizi sociali - spiega Mattesini - resteranno in contatto con la struttura e seguiranno questa famiglia passo dopo passo. E' stato infatti previsto un percorso per loro: non ci sono scadenze temporali precise, ma la situazione verrà valutata più volte, finché questa famiglia e questa mamma saranno di nuovo sereni e potranno di nuovo pensare a guardare avanti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre: ipotesi coprifuoco. Novità su scuola e bus

  • Coronavirus Toscana: oggi 866 nuovi casi, 13 i decessi. La mappa provincia per provincia

  • Coronavirus: +812 casi oggi in Toscana e due morti. I dati, provincia per provincia

  • Coronavirus, il bollettino della Asl: 64 nuovi positivi nell'Aretino. Ci sono bimbi, studenti e insegnanti

  • "In terapia intensiva anche 50enni senza patologie pregresse", così la nuova ondata del Coronavirus

  • Lo sfogo del direttore di Rianimazione: "Abbracci senza mascherina, la gente non ha capito. Mi sono stancato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento