Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Neonata ceduta a una coppia senza figli. Arrivano due condanne a 1 anno e 4 mesi

Sono stati condannati - dopo aver patteggiato la pena - a un anno e 4 mesi di reclusione entrambi i coniugi: una coppia di origine straniera, indiano di 38 anni lui e rumena di 43 anni lei. Avrebbero cercato di far passare la figlia neonata di una...

ospedale-valdarno-gruccia3

Sono stati condannati - dopo aver patteggiato la pena - a un anno e 4 mesi di reclusione entrambi i coniugi: una coppia di origine straniera, indiano di 38 anni lui e rumena di 43 anni lei. Avrebbero cercato di far passare la figlia neonata di una donna senza fissa dimora, partorita all'ospedale della Gruccia di Montevarchi, come se fosse loro. La madre biologica, straniera, è stata rinviata a giudizio.

La storia emerse circa due anni fa, nel novembre 2016.

Una coppia che non riusciva ad avere figli si sarebbe infatti rivolta una donna senza fissa dimora, disponibile a cedere la figlia appena nata. Tutti i protagonisti della vicenda non sono italiani d'origine: il sedicente padre è indiano (S.A. del 1980), mentre la moglie è rumena (M.L.P. classe 1975) ma con cittadinanza italiana. Il parto era avvenuto all'ospedale della Gruccia a luglio e lo scambio è emerso dopo alcune verifiche. L'uomo che si era dichiarato padre della bambina (aveva registrato la bimba con il proprio cognome), in realtà, biologicamente, non lo era affatto. Gli esami del sangue effettuati erano chiari, inoltre, per quel che riguardava la presunta madre. La direzione sanitaria aveva poi informato la polizia. A confermare i sospetti, la verifica del dirigente del commissariato valdarnese Mauro Mancini Proietti circa una carta d'identità, quella della 41enne rumena dichiaratasi madre della piccola Jasmine (nome di fantasia). La foto apposta sul documento era alterata e da verifiche con l'ospedale è emerso come, in realtà, la donna rumena avesse accompagnato la partoriente in ospedale come persona di fiducia, sostituendosi in un secondo momento alla madre stessa, con un documento fittizio. Sull'episodio si è pronunciato anche il Tribunale dei minori di Firenze che intanto ha nominato come tutore della piccola il responsabile dei servizi sociali del comune di Montevarchi. La piccola è stata data in affido a una famiglia, non residente in Valdarno, ma in un'altra parte della Toscana. L'uomo è stato denunciato per alterazione di stato e intanto proseguono le indagini per capire se ci sia stata la compravendita della neonata.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Neonata ceduta a una coppia senza figli. Arrivano due condanne a 1 anno e 4 mesi

ArezzoNotizie è in caricamento