Cronaca

Blitz contro la 'Ndrangheta, 14 arresti: ai vertici della cosca anche un 36enne nato nell'Aretino

Esasperati dalle intimidazioni e dalle minacce - come riporta la testata Reggio Today -  alcuni affermati imprenditori hanno deciso di denunciare i "Ti Mangiu", così viene chiamato il clan dei Labate

Foto di Reggio Today

La denuncia è partita da un gruppo di imprenditori esasperati dalle continue estorsioni. Grazie a loro la Polizia di Stato ha fermato - decapitandone i vertici - l'attività della cosca Labate, predominante quartiere Gebbione di Reggio Calabria. Sono 14 le persone arrestate tra boss e affiliati. E tra i responsabili dell'associazione a stampo mafioso c'è anche un boss nato a Cortona. 

Esasperati dalle intimidazioni e dalle minacce - come riporta la testata Reggio Today -  alcuni affermati imprenditori hanno deciso di liberarsi dei "Ti Mangiu", così viene chiamato il clan dei Labate.  Gli imprenditori si sono rivolti alla Dda della Procura di Reggio, guidata dal procuratore Giovanni Bombardieri, e hanno denunciato, con coraggio e determinazione, i loro estorsori.

Ha preso così il via l'operazione "Helianthus" della polizia di Stato, che questa mattina ha portato all'arresto di 14 persone

Di fronte ai magistrati, gli imprenditori hanno raccontato 

"di essere vittime di ripetute estorsioni, consistenti nel pagamento di ingenti somme di denaro, anche nell’ordine di 200 mila euro, ad esponenti di rilievo e luogotenenti del clan Labate o nell’imposizione dell’acquisto di prodotti dell’edilizia presso attività commerciali nella disponibilità della cosca".

Stamattina alle prime luci dell'alba, sono state arrestate 14 persone (12 sono finite in carcere, 2 ai domiciliari) ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsioni aggravate dal metodo mafioso, agevolazione della 'ndrangheta. Tra loro anche Paolo Labate, 36enne nato a Cortona ritenuto responsabile di associazione mafiosa.

"Oggi - spiegano dalla Questura di Reggio Calabria - il clan è una potente articolazione della ‘ndrangheta unitaria che trova la sua forza nei legami di sangue che uniscono i componenti di vertice ad altre potenti cosche e nei solidi rapporti di alleanza con famiglie ‘ndranghetistiche dei tre mandamenti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz contro la 'Ndrangheta, 14 arresti: ai vertici della cosca anche un 36enne nato nell'Aretino

ArezzoNotizie è in caricamento