Cronaca

Muore a 69 anni, la Procura di Arezzo apre un'inchiesta

Esposto dei familiari, l'uomo aveva fatto la prima dose di vaccino Pfizer alcuni giorni prima del decesso. E' stata eseguita l'autopsia per capire le cause dell'accaduto

Il pm Julia Maggiore

Un uomo di quasi 70 anni, residente nel Valdarno aretino, è deceduto alla fine di aprile per cause ignote. A seguito di un esposto fatto dai familiari, la Procura di Arezzo ha aperto un'inchiesta per approfondire le possibili cause e fare luce sull'accaduto. L'uomo, come riporta il Corriere di Arezzo, è morto venerdì scorso, 30 aprile.

L'esposto dei familiari

Ogni scenario sul decesso rimane aperto. Qualche giorno prima, il 27 aprile, aveva ricevuto la prima dose di vaccino Pfizer a Montevarchi, rientrando nella fascia di età a cui era stata data la possibilità di prenotarsi. La dose è stata somministrata, perché le condizioni di salute dell'uomo erano state considerate idonee per l'iniezione. Dopodiché, il 69enne era tornato alla propria abitazione. Successivamente, accusando sintomi di malessere sempre più gravi, è deceduto. Da qui l'esposto in Procura dei parenti. Il fascicolo contro ignoti è stato aperto dalla pm Julia Maggiore per capire i motivi del decesso, un eventuale collegamento con la vaccinazione o meno, e attribuire eventuali responsabilità. Fondamentale, sarà l'esito dell'esame autoptico eseguito dal dottor Paolo Di Paolo dell'Università di Pisa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore a 69 anni, la Procura di Arezzo apre un'inchiesta

ArezzoNotizie è in caricamento