Moto "fantasma" sullo Spino: era senza frecce e specchietti. Accertamenti sulle modifiche

I carabinieri forestali stanno indagando a 360 gradi e potrebbero risalire all'officina che si è occupata di modificare il mezzo

Poteva essere un bel pezzo da esposizione. Una moto modificata da porre in una vetrina o, perché no, in un museo dedicato alle due ruote. Ma non poteva circolare. E' quanto accertato dai Carabinieri Forestali in seguito al sequestro, domenica scorsa, della moto "fantasma" la cui storia ha incuriosito gli appassionati di due ruote di tutta Italia. 

"Le modifiche erano tali - sostengono gli inquirenti - da non permettere la messa su strada in sicurezza. Quella moto poteva essere usata in una esposizione o in una pista. Ma non in una strada normale, come lo è il Passo dello Spino". 

Tra le tante modifiche effettuate, infatti, sarebbero stati eliminati gli specchietti e le frecce posteriori, cambiato il telaio e altre parti importanti per la sicurezza. I carabinieri forestali parlano di "totale mancanza di omologazione e di assenza di requisiti di sicurezza". Ai quali si aggiungono l'assenza di assicurazione (praticamente impossibile stipularne una su una moto non omologata) e altre irregolarità nei documenti: "una moto di fatto inesistente, non corrispondente a nessun modello in circolazione, e con una quantità tale di modifiche senza precedenti. Il tutto condito dalla mancanza di immatricolazione, di assicurazione e con una targa non propria". 

La moto sarebbe stata modificata in una officina privata: i Carabinieri forestali stanno approfondendo le loro indagini a 360 gradi. Tra gli aspetti da chiarire anche quelli sulla realizzazione di tali modifiche e non è escluso che cerchino di risalire all'officina che ha realizzato il veicolo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al conducente, un 40enne bergamasco, sono state contestate tre pesanti violazioni il cui importo dovrà essere stabilito dal prefetto. Dopo il sequestro si profilerebbe la confisca del mezzo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm in arrivo entro il 9 novembre. Possibili restrizioni nella mobilità tra Regioni

  • Coronavirus, 1823 casi in Toscana. 15 i decessi in 24 ore

  • Coronavirus nell'Aretino: +252 casi oggi. I contagi per comune. Esauriti i posti in Terapia intensiva al San Donato

  • Schianto frontale tra un furgone e un bus di linea: c'è un ferito grave

  • 92 nuovi positivi nell'Aretino, più della metà nel capoluogo. Salgono a 79 i ricoveri

  • Coronavirus, marito e moglie muoiono a distanza di 24 ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento