Cronaca

Tragedia in volo, in stato di fermo il pilota francese. Con Scarpelli altri sei morti: il dolore di Arezzo e della Toscana

Il messaggio di cordoglio del governatore Enrico Rossi.

E' stato fermato con l'accusa di omicidio colposo plurimo il pilota del velivo francese che si è scontrato con l'elicottero di Maurizio Scarpelli.  Si tratta di Philippe Michel, 64 anni: secondo la Procura di Aosta, che quest'oggi ha svolto un approfondito sopralluogo e sequestrato l’area di 400 metri dove i resti dei velivoli sono precitati.

Intanto Arezzo e l'intera Toscana si stringono nel dolore. Scarpelli, pilota fiorentino che aveva sede operativa ad Arezzo, è una delle sette vittime del terribile incidente avvenuto ieri pomeriggio a La Thuille. Un lutto che ha colpito l'intera Regione Toscana. In tanti lo stimavano per il suo apporto all'attività del servizio regionale antincendi boschivi del quale il 53enne era uno storico e valido pilota.

Mentre questa mattina in Valle d'Aosta sono stati trovati senza vita gli ultimi  due  dispersi, la procura di Aosta sta indagando per omicidio colposo plurimo. Intanto il goverantore della Toscana, Enrico Rossi, ha espresso il suo cordoglio: 

"Scarpelli era molto apprezzato in Regione Toscana per la sua attività di pilota, molto amato dai compagni dell'antincendi boschivi e della Protezione civile, dove operava da oltre dieci anni ed era considerato uno dei riferimenti con maggior esperienza. Esprimo il massimo cordoglio mio, della Giunta e dell'intera struttura regionale alla famiglia, agli amici ed ai compagni di Scarpelli per la tragica perdita di una persona di grande valore". Cosi il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha voluto ricordare l'opera e il valore del pilota di elicotteri toscano rimasto vittima nell'incidente aereo di ieri sul ghiacciaio del Rutor. "Scarpelli è stato tra i protagonisti in positivo dello spegnimento del grande incendio dei monti pisani del settembre scorso - conclude Rossi - a lui ed ai suoi colleghi andrà per sempre la nostra riconoscenza".

La Regione Toscana, il Settore Protezione Civile e l'organizzazione AIB, si stringono alla famiglia in questo momento di dolore


Grande commozione anche tra i colleghI dell'antincendi boschivii: di Scarpelli ricordano la preziosa la preziosa collaborazione offerta in occasione delle attività di formazione e addestramento svolte presso il Centro AIB La Pineta. 

La tragedia

maurizio scarpelli-2L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio in località Lac Neuve (Courmayeur), ad oltre 2.600 metri di quota, proprio sotto al ghiacciaio Rutor. L'elicottero sul quale era a bordo Scarpelli, insieme ad una guida alpina di 49 anni e alcuni turisti  si è schiantato contro un aereo da turismo francese a bordo del quale c'erano un istruttore, sopravvissuto, e due allievi ritrovati solo questa mattina .

Il bilacio della tragedia è diventato dunque pesantissimo: sono 7 le persone morte, quasi tutti turisti stranieri. 

Sulla dinamica dell'incidente stanno indagando i Finanzieri del Sagf di Entreves coordinati dal pm della procura di Aosta Carlo Introvigne. L'ipotesi di reato è di omicidio colposo plurimo e disastro colposo. Secondo una prima ricostruzionepare che l'elicottero stesse decollando quando è impattato con l'aereo da turismo che stava atterrando. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia in volo, in stato di fermo il pilota francese. Con Scarpelli altri sei morti: il dolore di Arezzo e della Toscana

ArezzoNotizie è in caricamento