Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca Pieve Santo Stefano

Morto cadendo dal balcone, i ricordi degli amici: "La moto, i dolori e il tuo coraggio di rialzarti sempre"

La notizia della morte di Diego Cavalli ha creato grande commozione tra gli abitanti di Pieve Santo Stefano dove il 39enne era nato e cresciuto. Adesso l'intera comunità si stringe alla famiglia

Un giovane in gamba, solare, con una grande forza d'animo. “Diego era davvero un bravo ragazzo. Nella sua vita aveva superato tanti dolori e questa fine ci ha lasciato sgomenti”. Il sindaco di Pieve Santo Stefano, Claudio Marcelli, ricorda così Diego Cavalli, 39enne deceduto ieri dopo uno scherzo di Ferragosto finito in tragedia.
“Una morte assurda” commentano gli amici con i quali era cresciuto, devastati dalla notizia che ieri si è diffusa rapidamente nella Città dei diari. 

Il drammatico scherzo e la caduta dal balcone

Stando a quanto ricostruito dalla Polizia di Città di Castello, che subito dopo l'incidente è accorsa sul posto, Cavalli stava trascorrendo il giorno di Ferragosto con la fidanzata e i familiari della ragazza in un casolare di Muccignano, nel comune di Città di Castello. Una giornata di festa, con le persone più care. 
Nella calura, Diego avrebbe pensato di fare uno scherzo. Sarebbe salito al primo piano, avrebbe preso un recipiente con dell'acqua e si sarebbe diretto verso il balcone sotto al quale si trovavano i familiari della giovane. Quello che doveva essere un innocuo gavettone, però si è trasformato in tragedia. Il 39enne infatti avrebbe perso l'equilibro precipitando per circa tre metri. Un impatto a terra violento, che gli ha subito fatto perdere i sensi. 
Immediatamente, nonostante lo sgomento, sono stati chiamati i soccorsi. Un equipaggio del 118 è arrivato sul posto, lo ha stabilizzato. Poi il volo della speranza verso l'ospedale perugino di Santa Maria della Misericordia.  
Il 39enne è apparso subito molto grave ed è stato trasferito in prognosi riservata nel reparto di Terapia intensiva. Dopo ore di agonia è stata dichiarata la morte cerebrale e nella giornata di ieri è stato dichiarato il decesso. 

L'abbraccio di Pieve

La drammatica vicenda ha colpito molto i pievani che si sono stretti attorno alla sorella e ai familiari di Diego. 
“Diego avrebbe compiuto 40 anni il prossimo settembre – spiega il primo cittadino -, da alcuni anni viveva a Città di Castello con la fidanzata ma i legami con Pieve erano fortissimi. Qui vivono i suoi familiari”. A loro, alla sorella, si uniscono in un forte abbraccio i concittadini.

Sono tanti i coetanei che sui social ricordano Diego, i momenti trascorsi insieme e le passioni condivise. Come quella per la moto da cross: sono tante le sue immagini in sella alla due ruote, mentra scala dune e affronta cunette, che gli amici stanno condividendo sui propri profili Facebook. Nella vita di Diego c'erano stati momenti difficili: alcuni anni fa aveva avuto un terribile incidente stradale in seguito al quale era stato per lungo tempo in terapia intensiva. I pievani in quella occasione avevano dimostrato tutta la loro vicinanza e il loro affetto alla famiglia. Lo stesso che esprimono oggi, travolti da un'ondata di commozione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto cadendo dal balcone, i ricordi degli amici: "La moto, i dolori e il tuo coraggio di rialzarti sempre"

ArezzoNotizie è in caricamento