Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca Bibbiena

Morì nel frantoio per inerti, il gip dice no all'archiviazione. Altri 6 mesi per indagare

Il giudice Claudio Lara ha accolto le richieste dei legali della famiglia di Francesco Brenda: dubbi sui dispositivi di sicurezza

Una barriera di protezione più alta avrebbe potuto frenare la caduta? L'uso di un casco di sicurezza avrebbe potuto salvare la vita a Francesco Brenda? Sono questi i dubbi che la moglie, i figli minorenni e i legali che li rappresentano - gli avvocati Fabio Appiano e Pierluigi Fabbri - hanno sollevato di fronte al gip Claudio Lara e chiedendo di non archiviare la morte dell’operaio che perse la vita in un frantoio per inerti nel gennaio del 2022 in un'azienda di calcestruzzi di Bibbiena. 

Il giudice Lara ha accolto le osservazioni rigettando la richiesta di archiviazione della procura e disponendo che vengano eseguite altre indagini affinché sia chiarita la dinamica esatta dell'evento. L'ipotesi principale - sostenuta dalla pubblica accusa - è quella che il 51enne in quella mattina di gennaio abbia avuto un malore (probabilmente molto lieve, visto che l'autopsia non avrebbe rilevato nulla) e sia caduto dentro alla tramoggia. Il macchinario era in funzione e Brenda sarebbe stato colpito alla testa da uno dei "bracci" meccanici che trituravano gli inerti. Uno dei colpi sarebbe stato fatale. 

Sulla vicenda la procura aprì un fasciolo: l'ipotesi di reato era quella di omicidio colposo e sul registro degli indagati fu scritto il nome del proprietario dell'azienda. Lo scorso marzo però è arrivata la richiesta di archiviazione, alla quale i familiari si sono opposti. 

Le nuove indagini potrebbero dunque far luce su quanto accaduto in quella fatale manciata di secondi e chiarire se i dispositivi di protezione (in particolare l'uso del casco) avrebbero potuto cambiare le sorti dell'operaio. 

I legali della famiglia hanno chiesto anche di poter condurre un esperimento giudiziale, ovvero un esperimento nel quale viene ricostruito l'evento cercando di riprodurre, ad esempio, la caduta, per capire come sia avvenuta. 

Il pm potrà svolgere gli approfondimenti sugli aspetti segnalati dal giuce con con gli strumenti investigativi che riterrà più opportuni. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morì nel frantoio per inerti, il gip dice no all'archiviazione. Altri 6 mesi per indagare
ArezzoNotizie è in caricamento