Cronaca

Morto folgorato, le conferme dell'autopsia. Giallo dinamica: attesa per l'informativa Asl. I sindacati proclamano sciopero generale

Si è svolta oggi l’autopsia sul corpo di Marco Del Cimmuto, il 33enne di Pescocostanzo (L'Aquila) morto a seguito di un incidente mentre stava lavorando in località Le Vertighe, nel comune di Monte San Savino. L'esame è stato eseguito dall’équipe...

marco-de-cimmuto

Si è svolta oggi l'autopsia sul corpo di Marco Del Cimmuto, il 33enne di Pescocostanzo (L'Aquila) morto a seguito di un incidente mentre stava lavorando in località Le Vertighe, nel comune di Monte San Savino. L'esame è stato eseguito dall'équipe medico legale dell'Università di Siena, guidata dal professor Stefano Benvenuti, coadiuvato dal tecnico Marco Doretti. Tra sessanta giorni arriverà il responso, la certezza è che l'operaio è deceduto a seguito della folgorazione per una scarica elettrica a media tensione da 15mila volt. Di più, tuttavia, potrà dire l'informativa della Asl, attesa tra pochi giorni, che ricostruirà nel dettaglio la dinamica dell'incidente sul lavoro.

La magistratura aretina ha aperto un'inchiesta dal pm Andrea Claudiani per attribuire eventuali responsabilità dell'accaduto: la relazione dettagliata dei tecnici del Pisll dovrebbe fugare molti dei dubbi che permangono. Come atto dovuto, sono stati notificati cinque avvisi di garanzia per "omicidio colposo" ad altrettanti responsabili della azienda Asla (della provincia di Chieti) che fa parte del Consorzio Italwork e della quale Marco Del Cimmuto era dipendente.

Occorrerà capire se la distanza tra gli operai della ditta che stavano scaricando il materiale e la linea elettrica fosse sicura oppure troppo vicina e se la manovra per scaricare uno dei pali, che ha poi fatalmente toccato i cavi in tensione, fosse corretta.

L'operazione che era in atto, quella di scaricare il nuovo materiale per la linea, era propedeutica ai veri e propri lavori di sostituzione dei pali, che avrebbero preso il via lunedì prossimo. Per prassi Enel, nel caso di operazioni vicine ad una linea, stacca la corrente. Ma la procedura in questo caso non è stata attivata, perché la ditta ha agito in autonomia per la preparazione del lavoro vero e proprio di lunedì prossimo. Al momento dell'incidente, fatale per il 33enne, non erano presenti funzionari Enel.

Intanto i sindacati, Fim, Fiom e Uil di Arezzo, hanno proclamato due ore di sciopero generale a seguito della tragedia. Contestualmente, giovedì 30 agosto, verrà fatta anche una manifestazione davanti alla prefettura, dalle 16.

@MattiaCialini

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto folgorato, le conferme dell'autopsia. Giallo dinamica: attesa per l'informativa Asl. I sindacati proclamano sciopero generale

ArezzoNotizie è in caricamento