E' morto Beppe Bigazzi, noto volto de La Prova del Cuoco

Il giornalista e appassionato di gastronomia è deceduto in seguito ad una lunga malattia che ne aveva segnato gli ultimi anni

E' morto all'età di 86 anni Giuseppe Bigazzi.
Noto al grande pubblico con il diminutivo di Beppe è stato per anni protagonista al programma “La prova del cuoco” con Antonella Clerici di cui, nel 2000, divenne pure co-conduttore.

Valdarnese di nascita, Bigazzi lottava da tempo contro grave una malattia.

Chi era Beppe Bigazzi

La sua passione per la gastronomia lo aveva portato da prima a curare una rubrica sul quotidiano Il Tempo e poi sbarcare in televisione a "La borsa della spesa", sezione all'interno del programma Unomattina su Rai 1. In seguito, è stato co-conduttore del programma Bischeri e bischerate sul canale Sky, Alice. Il 28 febbraio 2013 fece infine il suo ritorno alla La prova del cuoco.

La sospensione da La Prova del cuoco

Bigazzi fu al centro di un caso televisivo culminato, il 15 febbraio 2010, con la sua sospensione da La Prova del Cuoco. Le ragioni sono tutte da attribuire alla citazione del proverbio "a Berlingaccio chi non ha ciccia ammazza il gatto" (che significa "il giovedì grasso chi non ha più carne da mangiare si ciba del gatto") durante la diretta tv Rai. In quella circostanza spiegò la procedura utilizzata per trattare la carne dell'animale per migliorarne il sapore, riferendo di averla consumata in diverse occasioni durante la sua infanzia passata a Terranuova Bracciolini, suo paese natale. A seguito delle polemiche suscitate dal caso, lo stesso Bigazzi - in un'intervista al Corriere della Sera - ebbe modo di spiegare il reale senso delle sue frasi dichiarando:

Negli anni '30 e '40 come tutti gli abitanti del Valdarno a febbraio si mangiava il gatto al posto del coniglio, così come c'era chi mangiava il pollo e chi non avendo niente andava a caccia di funghi e tartufi non ancora cibi di lusso. Del resto liguri e vicentini facevano altrettanto e i proverbi ce lo ricordano. Questo non vuol dire mangiare oggi la carne di gatto, ho solo rievocato usanze.

Il dolore del Valdarno e della provincia di Arezzo

La scomparsa di Beppe Bigazzi è stata accolta dalla popolazione terranuovese e di tutta la provincia di Arezzo con grande sconcerto. Numerose le dimostrazioni di cordoglio che sono apparse pubblicamente sui social.

Il cordoglio dell'amministrazione di Terranuova Bracciolini

Il sindaco e l’amministrazione comunale esprimono profondo cordoglio per la scomparsa di Beppe Bigazzi, le cui esequie si sono celebrate stamani. Nato a Terranuova e residente a Roma, aveva ricevuto la cittadinanza onoraria nel 2002 dal sindaco Carlo Pasquini. Il riconoscimento gli era stato tributato per l’importante azione volta a valorizzare l’agricoltura del Valdarno.
Le ceneri di Bigazzi per sua stessa volontà verranno disperse sul territorio terranuovese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non solo "La vita è bella". Tutti i film girati nell'aretino

  • "E' il bar della droga". Il questore di Arezzo lo chiude 10 giorni

  • Aleandra Checcacci è stata ritrovata: è ricoverata all'ospedale di Saronno. Era scomparsa dal 31 luglio

  • "Così sono nate le 6000 sardine": storia di Giulia, l'aretina che ha creato con tre amici il movimento anti Salvini

  • Salvini contro Scanzi: "Ossessionato da me e dalla Lega". Il giornalista: "Il mio libro gli dà fastidio"

  • Si ribalta due volte con l'auto: grave 49enne

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento