menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Antonio Garofalo

Antonio Garofalo

Le Acli di Arezzo piangono la scomparsa di Antonio Garofalo

Il settantacinquenne dirigente aclista, ex presidente del consiglio provinciale, è morto nel giorno di Natale L’associazione ne ricorda la sensibilità verso le tematiche sociali, politiche e culturali del territorio

Le Acli di Arezzo piangono Antonio Garofalo, presidente del consiglio provinciale dal 2008 al 2016. Il dirigente aclista è scomparso al termine di una lunga malattia nel giorno di Natale e nel giorno del suo settantacinquesimo compleanno, con l’associazione che perde così una personalità particolarmente stimata e apprezzata per la propria sensibilità verso le tematiche sociali, politiche e culturali del territorio.
Garofalo è stato a lungo impegnato come presidente del circolo di Levane, paese valdarnese dove aveva svolto la propria attività lavorativa in Comune, prima di porre le proprie competenze e le proprie esperienze al servizio delle Acli anche a livello provinciale.

"Nel giorno di gioia del Natale, piangiamo la scomparsa di un uomo che per anni è stato un testimone dei valori aclisti e dell’impegno dell’associazione sul territorio”, ricordano le Acli di Arezzo, “Formatosi sugli insegnamenti e sull’esempio di personalità quali don Milani e La Pira, Antonio è riuscito con la sua azione sul territorio a testimoniare i principi e le politiche del cattolicesimo di base. La nostra associazione perde un intellettuale profondo e attento, sempre sensibile alle problematiche dei lavoratori e dei più deboli, ma anche sempre pronto alla promozione della cultura attraverso l’organizzazione di numerose iniziative. Le Acli aretine si stringono al dolore della famiglia ed esprimono sentite condoglianze".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Gossip Style

    Il mistero di Coco Chanel, vera influencer prima dei social

  • Psicodialogando

    Sono stato tradito da mia moglie. E adesso?

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento