menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Moglie e marito muoiono per Covid a 10 giorni di distanza

Il caso a San Giovanni Valdarno. Il primo cittadino Valentina Vadi esprime vicinanza alla famiglia e attacca: "Nessuna comunicazione dal portale regionale, come autorità sanitaria i sindaci hanno il dovere di sapere"

Altri due coniugi morti per Covid in provincia di Arezzo. Lo rende noto il Comnune di San Giovanni Valdarno, attraverso un post su facebook in mattinata. Marito e moglie sono scomparsi a distanza di una decina di giorni l'uno dall'altra: tra le festività di Pasqua e la settimana successiva.

I precedenti in provincia

Qualche giorno fa, era emerso il precedente più vicino, quello di Michele e Maria, deceduti a distanza di una settimana l'uno dall'altra: originari del Salernitano ma residenti dell'Aretino.Tra i casi particolarmente noti, c'è stato quello di un'altra coppia nativa di San Giovanni Valdarno (e residente a Figline) scomparsa un anno fa, nel corso della prima ondata Covid, tra marzo e aprile 2020: i coniugi Patrizia Bernacchioni e Graziano Gioli. Da quella tragedia i figli hanno tratto un libro, recentemente presentato, il cui ricavato viene devoluto in beneficenza.

Il post del Comune

Stavolta il caso emerge per la comunicazione dei familiari, a seguito della quale l'amministrazione sangiovannese ha deciso di scrivere una dura nota, lamentando poca trasparenza nelle comunicazioni del portale regionael Sispc, quello accessibile dagli amministratori locali toscani per valutare l'andamento dei contagi comune per comune:

Abbiamo appreso ieri dai familiari e dai parenti, (e non dal Sispc della Regione Toscana che continua a contenere errori e numerose lacune nel tracciamento dei casi), della scomparsa di due coniugi sangiovannesi affetti da Covid.

Aggiungendo poi le condiglianze ai familari colpiti dal lutto:

Alla famiglia sono rivolte le condoglianze più sentite da parte del sindaco, della giunta municipale e di tutta San Giovanni Valdarno per queste perdite che portano di nuovo tanto dolore nella nostra comunità cittadina.

 Il sindaco: "Così non posso svolgere il mio ruolo di autorità sanitaria"

Valentina Vadi, sindaco di San Giovanni Valdarno, spiega in proposito: "E' importante che un sindaco abbia contezza dei numero delle morti, o dei ricoveri, legate al coronavirus nel suo comune giorno per giorno, per rendersi conto delle dimensioni del fenomeno. Noi sindaci siamo la prima autorità sanitaria nel territorio e abbiamo il diritto di rimanere costantemente aggiornati, perché poi abbiamo il dovere di prendere decisioni in base all'andamento della pandemia. Come faccio a decidere di chiudere un parco o meno se non so l'esatta gravità della situazione?". E conclude: "So per certo che ci sono almeno altri due ricoveri nel mio comune, oltre ai due comunicati nel portale Sispc. Il problema non è solo legato al numero di decessi. La comunicazione, così com'è, è carente". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento