Cronaca

Morti all'Archivio, la telefonata di Toninelli e lo sciopero generale nel giorno dei funerali. Arezzo piange Piero e Filippo

I volti di Filippo e Piero sono impressi nei cuori degli aretini. Della tragedia nella quale hanno perso la vita ne ha parlato l'intero Paese. Due morti sul lavoro, due vite spezzate per l'amore con il quale si svolgono le proprie mansioni...

bagni-bruni

I volti di Filippo e Piero sono impressi nei cuori degli aretini. Della tragedia nella quale hanno perso la vita ne ha parlato l'intero Paese. Due morti sul lavoro, due vite spezzate per l'amore con il quale si svolgono le proprie mansioni, risultano incomprensibili all'animo umano.

Da ieri in città l'atmosfera è surreale: molti eventi e iniziative programmate per oggi sono slittate a data da destinarsi. Altri appuntamenti pubblici si sono svolti sottotono, con un velo di tristezza.

Da Roma ieri il ministro dei Beni Culturali Alberto Bonisoli ha espresso le proprie condoglianze e contemporaneamente ha inviato tre ispettori del ministero per svolgere un'indagine interna, che possa aiutare a chiarire cosa è accaduto in quei fatidici momenti prima delle 8 del mattino.

In serata poi le mogli Piero Bruni e Filippo Bagni, Monica e Anna, hanno ricevuto una telefonata dal ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, che ha espresso il proprio cordoglio.

Sconcerto espresso dalle organizzazioni sindacali, che proprio ieri hanno lanciato un grido disperato: "Un altro passo verso il baratro" hanno commentato. Per domani mattina inoltre, Cgil, Cisl e Uil hanno convocato unitariamente una conferenza stampa CGIL, in via Monte Cervino, e hanno annunciato per il giorno dei funerali lo sciopero generale. Di questa mattina il duro comunicato della Fiom che sottolinea "la necessità inderogabile dell'attivazione di un tavolo sulla sicurezza del lavoro, che veda la partecipazione di tutti gli enti proposti alla vigilanza e prevenzione, parti sociali e associazioni datoriali, così come annunciato il 31 agosto scorso, il cui fine sia mettere in campo un'azione straordinaria ed incisiva per arginare questa piaga che ormai sta assumendo dimensioni immani. E' inaccettabile che ancora nel 2018 si continui a morire sul luogo di lavoro."

Proprio per il giorno dei funerali il sindaco Alessandro Ghinelli ha indetto il lutto cittadino con esposizione delle bandiere a mezz'asta negli edifici comunali. Gli esercizi commerciali di Arezzo saranno inoltre invitati ad abbassare le saracinesche contestualmente alle celebrazioni delle esequie. Intanto per questa sera è stata organizzata una veglia di preghiera presso la chiesa dei Santi Pietro e Paolo. Un momento di raccoglimento in un luogo particolarmente caro a Bruni, che frequentava con assiduità e dove svolgeva il ruolo di diacono. L'appuntamento è per le 21,15.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morti all'Archivio, la telefonata di Toninelli e lo sciopero generale nel giorno dei funerali. Arezzo piange Piero e Filippo

ArezzoNotizie è in caricamento