Cronaca

Morti all'Archivio, la città si stringe in una veglia di preghiera. Attesa fino a lunedì per le autopsie

Ancora due giorni di attesa per gli ultimi accertamenti. Potrebbe svolgersì lunedì l'autopsia sui corpi di Filippo Bagni e Piero Bruni, i due dipendenti dell'Archivio di Stato morti ieri mattina per una fuga di gas argon dalle bombole...

tragedia archivio

Ancora due giorni di attesa per gli ultimi accertamenti. Potrebbe svolgersì lunedì l'autopsia sui corpi di Filippo Bagni e Piero Bruni, i due dipendenti dell'Archivio di Stato morti ieri mattina per una fuga di gas argon dalle bombole dell'impianto antincendio.

Intanto la città si stringe attorno alle famiglie di Bruni e Bagni. Questa sera, alle 21,15 in molti si raccoglieranno in una veglia di preghiera nella chiesa dei Santi Pietro e Paolo. E' la parrocchia alla quale Bruni, diacono, apparteneva e nella quale era impegnato.

AUTOPSIA

L'esame autoptico dovrebbe essere eseguito, presso l'ospedale di Arezzo dove si trovano le salme, dall'équipe di medicina legale dell'Università di Siena. L'arduo compito dei medici sarà quello di rinvenire tracce dei gas inerti inalati dai due aretini. Molto probabilmente si affideranno agli esami tossicologici. Ma l'esito non è così scontato: perché tali gas spesso non lasciano segno del loro passaggio.

Paradossalmente, in casi come questi, potrebbero garantire maggior chiarezza gli esami svolti in ospedale dalla persona che si è salvata.

INDAGINI

Intanto l'inchiesta della procura va avanti: la pm Laura Taddei ha aperto un fascicolo per omicidio colposo plurimo. La procura sta raccogliendo in queste ore le informative che stanno arrivando da vigili del fuoco, carabinieri e Pisll. Sopralluoghi, verifiche, accertamenti tecnici: i risultati saranno fondamentali per cercare di ricostruire la dinamica della tragedia. Perché di punti oscuri ancora ce ne sono molti: perché l'allarme è scattato senza che ci fossero incendi? Per quale motivo Bruni e Bagni sono scesi nel seminterrato? Volevano controllare la centralina o accertarsi che non ci fossero elementi esterni che avessero fatto scattare l'allarme? Tutti elementi necessari per capire cosa in quella terribile mattinata non sia andato per il verso giusto.

Nessun nome è stato iscritto sul registro degli indagati per il momento. Troppo presto per una vicenda così complessa e così delicata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morti all'Archivio, la città si stringe in una veglia di preghiera. Attesa fino a lunedì per le autopsie

ArezzoNotizie è in caricamento