Cronaca

Città in lutto per la morte improvvisa di Antonio Bonacci, l'avvocato innamorato della Giostra

Era presidente della camera penale del tribunale di Arezzo.

Un malore improvviso ha stroncato all'età di 60 anni l'avvocato penalista Antonio Bonacci. Presidente della stessa camera penale del tribunale di Arezzo da alcuni anni stava assistendo alcuni imputati dei processi per le note vicende di Banca Etruria. Il malore lo avrebbe colto nel suo studio oggi e a nulla sarebbero valsi i tentitivi di salvargli la vita portandolo d'urgenza al pronto soccorso.

La notizia si sta diffondendo in città, negli ambienti dell'avvocatura aretina, nel mondo della Giostra che tanto amava e al quale partecipava da anni come magistrato.

Bonacci attualmente seguiva l'ex direttore generale Luca Bronchi imputato nel processo Banca Etruria. Durante l'estate per due lunge udienze ha messo sotto esame il suo stesso assistito cercando di dimostrare la sua estraneità ai fatti. Era legale della famiglia Landi nel caso Eutelia. Sempre al centro dei procedimenti piu importanti dell'aretino, ha rappresentato la parte civile ovvero il Comune di Castiglion Fiorentino nel procedimento sul dissesto. Indimenticabili i suoi interventi con l'allora collega di studio Guido Dieci nel processo Variantopoli.

Sorridente e pacato, anche nei momenti difficili e di fronte a scomode telecamere come quando fu Report a seguirlo per avere dichiarazioni sulle note vicende di Banca Etruria, Antonio Bonacci lascia la moglie e un figlio e un'intera città attonita di fronte ad una notizia tanto assurda quanto inaspettata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città in lutto per la morte improvvisa di Antonio Bonacci, l'avvocato innamorato della Giostra

ArezzoNotizie è in caricamento