Morì cadendo dal balcone, oggi l'incarico per la trascrizione delle intercettazioni dei due aretini

Una nuova udienza per il caso della morte di Martina Rossi, la studentessa ligure che perse la vita volando giù da un balcone di un albergo di Palma de Majorca nell'agosto del 2011. Dopo la partenza in sordina della scorsa settimana, complice lo...

intercettazione martina rossi

Una nuova udienza per il caso della morte di Martina Rossi, la studentessa ligure che perse la vita volando giù da un balcone di un albergo di Palma de Majorca nell'agosto del 2011.

Dopo la partenza in sordina della scorsa settimana, complice lo sciopero degli avvocati penalisti, il procedimento giudiziario riprenderà di fronte al gup Piergiorgio Ponticelli il quale affiderà l'incarico per la trascrizione delle intercettazioni dei due giovani aretini coinvolti nella vicenda. La trascrizione sarà affidata Danile Bordet, perito trascrittore. E' probabile che le conversazioni trascritte dovranno essere consegnate alla procura entro un termine di 60 giorni. E in questo caso l'intero procedimento giudiziario sarà rinviato a settembre. LE INTERCETTAZIONI

I due ragazzi di Castiglion Fibocchi, Alessandro e Luca, erano nella stessa stanza di Martina la notte della tragedia. In seguito a quella terribile vicenda gli inquirenti intercettarono le telefonate dei due e le loro conversazioni furono registrate anche quando si trovarono nella sala d'attesa della questura di Genova, in attesa di essere sentiti dal pm.

E proprio le parole pronunciate durante quell'attesa, sono state al centro delle indagini. Il dialogo è stato mandato in onda da Chi l’ha visto? E all’ascolto suonerebbe così:

Alessandro: “sul corpo non sono riportati segni di violenza sessuale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Luca: “di violenza sessuale?”.

Alessandro: “mi sa di sì caz… quindi bono pure quello”.

Ma proprio questa ultima risposta potrebbe essere interpretata con: “Io so… da pazzi”, che cambierebbe il senso dell’intera conversazione. IPOTESI DI REATO E STRATEGIA DIFENSIVA I difensori dei due giovani, Tiberio Baroni per Alessandro e Stefano Buricchi per Luca, stanno elaborando la delicatissima strategia difensiva. Secondo la procura di Arezzo Martina morì cercando di sfuggire ad un tentativo di violenza sessuale che i due giovani aretini avrebbero perpetrato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento