Cronaca

Monossido sprigionato dal braciere: famiglia con un bimbo di 5 anni finisce al pronto soccorso per intossicazione

E' avvenuto nella notte a Bucine.

Momenti di paura questa notte a Bucine dove una famiglia è rimasta intossicata dal monossido di carbonio sprigionato, pare, da un braciere. Erano le 4 circa quando si sono accorti che qualcosa non andava.

Soccorsi dai sanitari del 118, padre, madre e bimbo di 5 anni sono stati portati dapprima al pronto soccorso dell'ospedale del Valdarno poi trasferiti a Carreggi, in camera iperbarica. Anche i nonni, che vivono nell'appartamento al piano di sotto, sono stati portati in codice verde al pronto soccorso per gli accertamenti del caso.  Ed è stata proprio la nonna, dopo aver sentito alle 4 del mattino un rumore strano proveniente dal piano di sopra - un tonfo sordo, come se qualcuno fosse caduto - a preoccuparsi e a chiamare i soccorsi. Un gesto questo che ha salvato la vita alla famiglia. 

Quando gli operatori dell'emergenza urgenza sono accorsi sul posto hanno attivato i rilevatori di monossido di carbonio di cui t utti gli equipaggi del 118 dell'Area Vasta sono dotati e hanno capito subito la situazione, valutando in modo tempestivo le azione da mettere in atto.

Sul posto sono accorsi anche i vigili del fuoco e i carabinieri.

Notizia in aggiornamento

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monossido sprigionato dal braciere: famiglia con un bimbo di 5 anni finisce al pronto soccorso per intossicazione

ArezzoNotizie è in caricamento