Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Minorenni coltivano marijuana di nascosto e mettono nei guai il proprietario del terreno

Scoprono piante di marijuana - coltivate da altri - nella loro proprietà, cercano di disfarsene ma vengono denunciati. E' la disavventura in cui sono incappate tre persone, due uomini e una donna, che hanno trovato delle coltivazioni di...

Scoprono piante di marijuana - coltivate da altri - nella loro proprietà, cercano di disfarsene ma vengono denunciati.

E' la disavventura in cui sono incappate tre persone, due uomini e una donna, che hanno trovato delle coltivazioni di cannabis e si sono adoperate per farla sparire. Scoperti e denunciati, inoltre, i due fratelli minorenni responsabili del progetto agricolo illegale.

L'operazione è stata portata avanti dai carabinieri forestali di Monte San Savino assieme a quelli delle stazioni di Badia al Pino e Monte San Savino.

Secondo la ricostruzione dei militari forestali, due fratelli di 16 e 17 anni, residenti in zona, avevano dato vita a una coltivazione di quattro piante di cannabis indica all'interno di un sito produttivo dismesso a Civitella, di nascosto. Si recavano in zona a bordo di un Ape e si prendevano cura della marijuana.

E' scattata la perquisizione nell'abitazione dei due, dove sono stati rinvenuti involucri sospetti e materiale per il confezionamento di dosi. Poi i militari sono andati nella zona di coltivazione, ma delle piante non c'era più traccia.

Hanno cercato informazioni sui proprietari del terreno. Gli inquirenti hanno effettuato un sopralluogo in casa del figlio del titolare del sito dismesso e nell'esercizio del suo tecnico di fiducia. Nell'ambito di queste perquisizioni sono spuntati tre dei quattro vasi con le piantine.

"Volevamo soltanto distruggerle", hanno dichiarato i due che nel frattempo si erano accorti della coltivazione illegale. E a supporto della tesi, c'è il fatto che il quarto vaso è stato trovato in un cassonetto, dove era stato gettato da una commessa dell'esercizio.

I due minorenni sono stati denunciati per produzione, traffico e possesso ai fini di spaccio di droga, mentre i due uomini e la commessa sono stati comunque denunciati per possesso di sostanze stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minorenni coltivano marijuana di nascosto e mettono nei guai il proprietario del terreno

ArezzoNotizie è in caricamento