rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Cronaca

Morto a Dubai. Gli esiti dell'autopsia: "Mazzeschi stroncato da arresto cardiaco"

Sono stati depositati ieri i risultati dell'esame autoptico eseguito sul corpo di Marco Mazzeschi. Nella relazione esclusi atti di violenza sul corpo del 44enne

“Nessun segno di lesioni che indichino atti di violenza criminale”. Sul corpo di Marco Mazzeschi, il 44enne aretino deceduto a Dubai lo scorso 30 ottobre, non sono stati riscontrati elementi che facciano pensare a morte conseguenza di alcuna aggressione. A evidenziarlo sono i risultati dell’autopsia eseguita lo scorso novembre e depositata ieri, 17 febbraio, dal professor Mario Gabrielli dell’istituto di medicina legale di Siena. I dettagli della ricognizione sono stati resi noti alla famiglia dell’uomo e alla magistratura. Stando a quanto scritto nelle carte, a provocare il decesso dell’aretino sarebbe stato un arresto cardiaco improvviso scatenato, come si evince nella relazione, da cause naturali.

Una tragedia enorme che, oltre ad aver profondamente sconvolto la città, ha coinvolto anche la compagna di Mazzeschi. Arianna Paperini, 40enne aretina, proprietaria della casa dove si trovavano al momento del decesso, è stata l’ultima persona ad avere contatti diretti con Mazzeschi. Come noto, sarebbe stata lei a lanciare l’allarme e praticare sul corpo del compagno le prime manovre di soccorso in attesa dell’arrivo dei sanitari e delle forze dell’ordine. Dopo il rientro in Italia, le era stata notificata l’apertura di un fascicolo a suo carico con l'accusa di omicidio preterintenzionale. Un atto conseguenza dell’esposto presentato alla procura della Repubblica da parte di alcuni familiari di Mazzeschi. Titolare dell’inchiesta la pm Emanuela Greco che, subito dopo i funerali, dispose il sequestro della salma dando mandato per l’esecuzione dell’esame. L’autopsia, come già i rilievi esterni, non ha evidenziato alcuna lesione o segno di violenza così come non è stata rilevata l’assunzione di sostanze stupefacenti. Secondo le evidenze mediche dunque, la compagna non sarebbe in alcun modo coinvolta nelle cause che hanno provocato il decesso. Adesso sarà la magistratura a dover scegliere se chiedere per lei l’archiviazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto a Dubai. Gli esiti dell'autopsia: "Mazzeschi stroncato da arresto cardiaco"

ArezzoNotizie è in caricamento