Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

Martina Rossi, passaggio chiave del processo: le sue amiche raccontano la notte della tragedia

Si torna in aula per il processo legato alla morte della studentessa genovese Martina Rossi deceduta 7 anni fa a Maiorca, mentre era in vacanza, cadendo da un balcone dell’hotel in cui alloggiava assieme alle amiche: nel procedimento sono indagati...

Si torna in aula per il processo legato alla morte della studentessa genovese Martina Rossi deceduta 7 anni fa a Maiorca, mentre era in vacanza, cadendo da un balcone dell'hotel in cui alloggiava assieme alle amiche: nel procedimento sono indagati due ragazzi aretini per morte in conseguenza di altro reato, Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi, assistiti rispettivamente dagli avvocati Tiberio Baroni e Stefano Buricchi. Secondo la procura di Arezzo, la giovane Martina precipitò da una terrazza cercando di sfuggire a un tentativo di violenza sessuale. Oggi sono previste alcune testimonianze chiave.

L'ULTIMA UDIENZA

Nel corso dell'udienza del 19 giugno avevano testimoniato anche i genitori di Martina, Bruno e Franca, che sono assistiti dall'avvocato Luca Fanfani. Lunedì scorso avrebbero dovuto essere ascoltati altri sei testi, ma saranno sentiti oggi.

I TESTI DI OGGI

Ci sono due danesi, che fanno parte della famiglia che alloggiava nella camera adiacente alla 609, quella dove si trovavano Martina e i due imputati del processo, ma che difficilmente si presenteranno. Ci sono poi le due amiche di Martina, Isabella e Alessia, che racconteranno invece la loro verità: saranno interrogate da accusa, difesa e parti civili. Il loro racconto occuperà verosimilmente tutta la giornata di venerdì 29 giugno e sarà importante capire la loro ricostruzione per avere un'idea degli esatti passaggi che portarono Martina nella camera di Vanneschi e Albertoni. E anche quel che avvenne negli istanti successivi alla tragedia. Le due ragazze genovesi si trovavano infatti in un'altra stanza (quella in cui dormiva anche Martina) assieme a due ragazzi aretini, amici degli imputati. Martina, sentendosi di troppo tra le due coppie, decise di lasciar loro la disponibilità della camera. E aspettò le sue amiche nella camera dei ragazzi di Arezzo al sesto piano. Chiamati a testimoniare dall'accusa, inoltre, anche i due compagni di viaggio degli imputati, i due amici che si trovavano in stanza con le ragazze genovesi. Possibile, però, che i due ragazzi si avvalgano della facoltà di non rispondere, essendo accusati di falsa testimonianza in un altro processo a Genova. I magistrati liguri pensano infatti che i due ragazzi abbiano cercato di coprire i due imputati. Per l'esito di questo processo, al momento "congelato", bisognerà attendere la conclusione del procedimento di primo grado di Arezzo. @MattiaCialini
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Martina Rossi, passaggio chiave del processo: le sue amiche raccontano la notte della tragedia

ArezzoNotizie è in caricamento