Caso Martina Rossi, lettera a Mattarella: "Raccolte 80mila firme, chiediamo di revocare la prescrizione di uno dei due reati"

Il prossimo 21 gennaio ci sarà l'udienza in Cassazione. I firmatari chiedono anche che "possa svolgersi regolarmente senza ulteriori possibili rinvii che causerebbero la caduta in prescrizione anche del secondo capo d'imputazione"

80mila voci per Martina Rossi, 80mila firme per chiedere "Verità e giustizia sulla sua morte", e una lettera inviata - e già ricevuta - al presidente della Repubblica Sergio Mattarella per chiedere la  revoca della prescrizione per il reato di "morte in conseguenza di un altro reato" e scogiurare un allungamento dei tempi del processo in Cassazione che potrebbe causare la prescrizione anche del secondo reato. 

A promuovere la petizione è stato il gruppo Facebook "Vogliamo verità e giustizia per Martina Rossi". L'iniziativa nel giro di alcuni mesi ha raggiunto tantissime persone che hanno deciso di sottoscriverla. 

Nella lettera a Matteralla i firmatari della petizione spiegano: "Le scriviamo per invocare giustizia per Martina Rossi morta in Spagna il 3 agosto 2011 per la quale i Giudici del tribunale di Arezzo nel 2018 condannano due ragazzi: Luca Vanneschi e Alessandro Albertoni a 6 anni per aver provocato la morte della giovane come conseguenza di altro reato e tentata violenza di gruppo.
Il 28 novembre 2017 Vanneschi e Albertoni vengono rinviati a giudizio per tentata violenza sessuale di gruppo e morte in conseguenza di un altro reato [...] Il processo di primo grado si conclude con la condanna dei primi due a 6 anni. È il 14 dicembre 2018.
Lo scorso 28 novembre la presidente della Corte d’appello di Firenze dichiara prescritto il reato di morte in conseguenza di altro reato.
Il 9 giugno 2020 la Corte d'appello di Firenze assolve Vanneschi e Albertoni dal reato di "tentata violenza di gruppo perché il fatto non sussiste", altresì dichiara che: "un’aggressione di carattere sessuale non può, invero, neppure del tutto escludersi".

Il Procuratore Generale del Tribunale di Firenze presenta ricorso in Cassazione contro l'assoluzione dei due.
La data per la Cassazione è fissata per il 21 gennaio 2021. Chiediamo pertanto il Vostro intervento perché ci sia la revoca della prescrizione per reati così gravi, nello specifico "morte come conseguenza di altro reato"
.

Questa la prima richiesta: revocare la prescrizione del reato. Ma non è l'unica questione sulla quale si soffermano i firmatari che sollecitano "affinché l'udienza in Cassazione prevista per il 21 gennaio 2021 possa svolgersi regolarmente senza ulteriori possibili rinvii che causerebbero la caduta in prescrizione anche del secondo capo d'imputazione, in alternativa che venga congelata la prescrizione sino alla data nella quale tale processo potrà essere svolto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm in arrivo: regioni chiuse e nuova divisione per colori. Cosa cambia per la Toscana

  • Toscana ancora in zona gialla? Si decide. Nuovo Dpcm: massimo 2 ospiti non conviventi in casa

  • Saturimetro: come funziona e quali sono i migliori modelli da acquistare on line

  • Banda dell'Audi bianca, è caccia aperta: le segnalazioni e la foto virale che fa sperare nell'arresto. Ma è un'altra operazione

  • Marito e moglie fermati da finti militari, picchiati e rapinati

  • "Pettorina finta e Glock in mano, così ho capito che non erano carabinieri". Il vocale che svela i trucchi della banda dell'Audi bianca

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento